La vera eleganza è rispettare il proprio stato d’animo: io ieri mi sentivo entusiasta, blu elettrica e a balze e così mi sono presentata. Sincera come una donna. #qualcosadiblu”. Ha risposto così su Twitter la neo ministra dell’Agricoltura Teresa Bellanova, agli haters che l’hanno attaccata per l’abito da lei indossato giovedì in occasione della cerimonia per il giuramento al Quirinale. Dopo poche ore la dem ha poi rilanciato con una nuova mise: una blusa a pois neri. “Visto che il blu di ieri ha elettrizzato molti, ho voluto provare con questa mise oggi, che ne dite? #vestocomevoglio oppure no? Secondo voi?”, ha scritto sempre via Twitter, allegando una foto del look.

La questione è tutt’altro che banale, dal momento che il dibattito ha visto coinvolti il segretario del Pd Nicola Zingaretti ma anche Matteo Renzi, Mara Carfagna, Laura Boldrini e tanti altri che si sono schierati in sostegno della ministra e contro le offese che ha ricevuto nelle ultime ore sui social ma anche dall’ex parlamentare Daniele Capezzone che ha twittato: “Carnevale? Halloween?”.

Nel mettere a tacere le critiche, Teresa Bellanova ha ricondiviso il tweet di Enzo Miccio, wedding planners e conduttore televisivo icona di stile e “paladino del buon gusto” (come lui stesso si definisce nella sua biografia social), che per primo si è schierato in suo sostegno commentando positivamente il suo look, con tanto di plauso. Miccio ha pubblicato infatti una foto della ministra dando il suo verdetto: “Un abito in organza e chiffon con piccole balze, in un bel blu, perfetto per la sua silhouette. Abbinato magistralmente a delle slingback nere. Accessori in tinta con il piccolo torchon che incornicia lo scollo dell’abito. Per me #TeresaBellanova è #EnzoMiccioApproved”. Insomma, mise approvata su tutta la linea. E se lo dice lui, che con “Ma come ti vesti?” su Real Time si è imposto per la sua severità e intransigenza in materia di stile e eleganza, non c’è davvero più spazio per critiche di qualsiasi genere.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Morto Federico Palmieri, l’attore romano si è suicidato nel giardino della sua abitazione

prev
Articolo Successivo

“X Factor, ecco il mio provino da giornalista imbucata”. Il racconto su Fq Millennium

next