Gli interventi previsti nel decreto sulle Crisi aziendali, approvato salvo intese ma che il Mise si dice pronto a mandare in Gazzetta Ufficiale, “non sono sufficienti a garantire la profittabilità” dello stabilimento di Napoli nel lungo periodo. È quanto scrive Whirlpool in una nota nella quale spiega che in questa maniera, a suo avviso, sarebbe a rischio anche la competitività dell’azienda nella Regione Emea, che ricomprendere Europa, Africa e Medio Oriente.

L’azienda di elettrodomestici, quindi, ribadisce che “l’unica soluzione percorribile” è “dare una nuova missione produttiva al sito”. Ad avviso di Whirlpool i 16,9 milioni di euro previsti dal testo del decreto per il prossimo biennio “sono calcolati considerando la messa in solidarietà al 60% della quasi totalità dei 5.500 dipendenti di Whirlpool in Italia”. Questa, aggiunge, “non è un’opzione in quanto non in linea con il piano industriale 2019-2021″.

Inoltre, spiega ancora l’azienda, “il potenziale beneficio sarebbe distribuito su tutti i siti italiani e non rappresenterebbe un intervento strutturale per il futuro a lungo termine di Napoli, soprattutto se comparato agli sforzi e agli investimenti pari a circa 100 milioni di euro messi in campo dall’azienda negli ultimi anni”. Whirlpool conclude quindi confermando quella che è stata la linea da quando si è aperto il ‘caso Napoli’, ovvero la propria volontà di “garantire la continuità industriale dello stabilimento e i massimi livelli occupazionali” al fine di “dare un futuro sostenibile ai colleghi di Napoli” e si dice “pronta a presentare nel dettaglio la nuova missione industriale per lo stabilimento di Napoli e per i suoi 410 dipendenti”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lavoro nero, bracciante muore per il caldo mentre raccoglie meloni: una denuncia

next
Articolo Successivo

Jobs act, il diritto al licenziamento può prevalere sui diritti dei lavoratori?

next