Un tributo il cui annuncio aveva incuriosito mesi fa chi non si aspettava tanto affetto per un autore da sempre legato a doppio nodo agli arcirivali del Festival di Cannes. Eppure un premio sacrosanto, anzi, doveroso. Perché arroccarsi in sciocche guerre di quartiere non ha mai senso, specie quando si è di fronte a un gigante come Pedro Almodovar. Ecco dunque cinque buoni motivi, per auguragli non uno, non dieci ma cento di questi Leoni.

E così giovedì 29 agosto alle ore 14 nella Sala Grande del Palazzo del Cinema, la Mostra di Venezia consegnerà al regista il Leone d’Oro alla carriera. Un riconoscimento importante quello della rassegna lagunare, che ha contribuito a lanciare il regista iberico battezzandone, ormai più di 30 anni fa, il primo grande successo internazionale: Donne sull’orlo di una crisi di nervi (che sarà riproposto per l’occasione).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Venezia 76, Catherine Deneuve ultima grande diva ne La Verité di Kore-eda

next
Articolo Successivo

Festival di Venezia, Pietro Marcello presenta il suo “Martin Eden”: la clip esclusiva

next