“Se il voto su Rousseau dovesse entrare in conflitto con la procedura prevista dalla Costituzione e incidere sulle decisioni del Capo dello Stato sarebbe inaccettabile. Se è uno strumento di decisione interna è un altro discorso”. A dirlo il vicesegretario del Pd, Andrea Orlando,all’arrivo alla Camera per la direzione del partito. La replica, da parte del M5s, arriva dai capigruppo Stefano Patuanelli e Francesco d’Uva: “È nostra intenzione, come abbiamo sempre fatto, coinvolgere gli iscritti al Movimento attraverso la nostra piattaforma. Il percorso del voto su Rousseau è stato condiviso con Giuseppe Conte e abbiamo deciso di farlo dopo l’incarico”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crisi, Fornaro (Liberi e Uguali): “Disponibili a governo di svolta, no a veti sui nomi”

next
Articolo Successivo

Crisi di governo, Zingaretti termina il discorso in direzione Pd: ovazione da deputati e senatori

next