Spacciavano cocaina nei locali della movida notturna salentina, a Lecce e in provincia. Una fitta rete di spaccio che coinvolgeva diverse località balneari e rinomate discoteche della costa pugliese portata alla luce grazie all’attività della Squadra Mobile di Lecce e del Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato, coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia, che, dopo un mese di indagini, hanno arrestato quattordici persone, diverse delle quali contigue ai clan della criminalità organizzata locale e ritenute responsabili del reato di spaccio di sostanze stupefacenti.

L’operazione rientra nel progetto “Pusher 3“, che ha rilanciato l’impiego di agenti sotto copertura per l’acquisto di droga, con l’utilizzo di telecamere nascoste, e ha consentito di raccogliere gravi elementi indiziari nei confronti degli arrestati e di avviare i procedimenti amministrativi finalizzati alla chiusura dei quattro locali pubblici, ritenuti essere i punti principali dello spaccio di cocaina.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pedofilia, respinto l’appello del cardinale Pell: “Sconterà la pena di 6 anni in carcere”. Santa Sede: “Può ricorrere all’Alta Corte”

prev
Articolo Successivo

Firenze, maxi rissa in via dei Vanni: notte di follia a colpi di spranga

next