Spacciavano cocaina nei locali della movida notturna salentina, a Lecce e in provincia. Una fitta rete di spaccio che coinvolgeva diverse località balneari e rinomate discoteche della costa pugliese portata alla luce grazie all’attività della Squadra Mobile di Lecce e del Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato, coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia, che, dopo un mese di indagini, hanno arrestato quattordici persone, diverse delle quali contigue ai clan della criminalità organizzata locale e ritenute responsabili del reato di spaccio di sostanze stupefacenti.

L’operazione rientra nel progetto “Pusher 3“, che ha rilanciato l’impiego di agenti sotto copertura per l’acquisto di droga, con l’utilizzo di telecamere nascoste, e ha consentito di raccogliere gravi elementi indiziari nei confronti degli arrestati e di avviare i procedimenti amministrativi finalizzati alla chiusura dei quattro locali pubblici, ritenuti essere i punti principali dello spaccio di cocaina.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pedofilia, respinto l’appello del cardinale Pell: “Sconterà la pena di 6 anni in carcere”. Santa Sede: “Può ricorrere all’Alta Corte”

next
Articolo Successivo

Firenze, maxi rissa in via dei Vanni: notte di follia a colpi di spranga

next