Le Nazioni Unite cambiano idea e decidono di rinviare la conferenza sulla tortura che avrebbe dovuto tenersi in Egitto, a Il Cairo, il 4 e 5 settembre. A confermarlo, secondo quanto riferisce il Guardian, è stato Rupert Colville, portavoce dell’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani (Ohchr). Una scelta probabilmente legata alle proteste sollevate dalla scelta dell’Alto Commissariato di tenere la conferenza in un Paese più volte accusato dai report delle varie organizzazioni internazionali di violare sistematicamente i diritti umani e perseguitare gli oppositori politici, come sottolineato il 19 agosto da Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia, su Ilfattoquotidiano.it.

A spiegarlo è lo stesso Colville che individua nel “crescente disagio di una parte della comunità delle ong con la scelta del luogo” la causa che ha portato l’Ohchr a optare per il rinvio. Le Nazioni Unite, ha aggiunto il portavoce, apriranno a breve delle consultazioni su quando e dove tenere la conferenza anti-tortura: “È ovviamente molto utile tenere una conferenza che mira a cercare di ridurre la tortura in un Paese (e in una regione più ampia) dove la tortura è in atto”, ha detto ancora Colville, difendendo così la decisione iniziale di ospitare la riunione proprio al Cairo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trump vuole la Groenlandia? Dovrebbe stare attento al rovescio della medaglia

next
Articolo Successivo

Kashmir, altri due morti negli scontri al confine tra India e Pakistan. Almeno 2.300 persone in stato d’arresto

next