Le Nazioni Unite cambiano idea e decidono di rinviare la conferenza sulla tortura che avrebbe dovuto tenersi in Egitto, a Il Cairo, il 4 e 5 settembre. A confermarlo, secondo quanto riferisce il Guardian, è stato Rupert Colville, portavoce dell’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani (Ohchr). Una scelta probabilmente legata alle proteste sollevate dalla scelta dell’Alto Commissariato di tenere la conferenza in un Paese più volte accusato dai report delle varie organizzazioni internazionali di violare sistematicamente i diritti umani e perseguitare gli oppositori politici, come sottolineato il 19 agosto da Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia, su Ilfattoquotidiano.it.

A spiegarlo è lo stesso Colville che individua nel “crescente disagio di una parte della comunità delle ong con la scelta del luogo” la causa che ha portato l’Ohchr a optare per il rinvio. Le Nazioni Unite, ha aggiunto il portavoce, apriranno a breve delle consultazioni su quando e dove tenere la conferenza anti-tortura: “È ovviamente molto utile tenere una conferenza che mira a cercare di ridurre la tortura in un Paese (e in una regione più ampia) dove la tortura è in atto”, ha detto ancora Colville, difendendo così la decisione iniziale di ospitare la riunione proprio al Cairo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trump vuole la Groenlandia? Dovrebbe stare attento al rovescio della medaglia

next
Articolo Successivo

Kashmir, altri due morti negli scontri al confine tra India e Pakistan. Almeno 2.300 persone in stato d’arresto

next