Mentre, nel giorno chiave della crisi di governo, in Senato continua il dibattito dopo che il premier Giuseppe Conte ha annunciato che rassegnerà le sue dimissioni, sui social si scatenano le reazioni e i meme. E non risparmiano nessuno: dai sassolini che si è tolto Conte parlando delle azioni del ministro dell’Interno Matteo Salvini, alle citazioni colte del capo di governo, passando per le citazioni musicali, tra le frasi delle canzoni di Fabrizio De Andrè e quelle degli Smiths.

E, andando in ordine cronologico nella giornata chiave in Senato, arrivano i commenti sul gesto di Salvini, che ha baciato il crocifisso che portava al collo e ha evocato il “Sacro Cuore di Maria”, scatenando dure reazioni anche in Aula: “Non si espongono simboli religiosi in aula” ha detto la presidente del Senato Casellati, “Facci vedere le stimmate” ha urlato il senatore Psi Riccardo Nencini. Sui social commentano il gesto scrivendo: “Appelliamoci al cuore immacolato di Sergio“, riferendosi al presidente della Repubblica Mattarella, o paragonando il gesto a quello che viene fatto per disperazione prima di un esame universitario.

Ma i meme più duri sono quelli sul discorso del vicepremier leghista: “In sostanza Salvini ha letto il suo profilo Twitter”, scrive la pagina satirica Spinoza. “Io che cerco i contenuti sensati al discorso di Salvini”, si legge su una foto in cui una ragazza guarda uno scaffale vuoto. Si passa poi all’intervento di Matteo Renzi, che attacca Salvini facendo riferimento al Papeete, la spiaggia di Milano Marittima dove il ministro ha passato le vacanze: “Non è un colpo di Stato cambiare il governo, è un colpo di sole aprire la crisi. Questo è il Parlamento, non è il Papeete”, ha detto l’ex segretario Pd. E sui social lo applaudono con una scena di Harry Potter. Ancora: una foto di Luigi Di Maio con la frase “Quando litigavi con tuo fratello e mamma sgridava solo lui” e le foto su Sergio Mattarella che attende che Conte salga in Quirinale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Crisi di governo: la stoccata di Conte al M5s. E i senatori del Movimento applaudono

prev
Articolo Successivo

Crisi di governo, Renzi: “Salvini irresponsabile, aprire la crisi è follia”. E poi aggiunge: “Darò una mano per non andare a sbattere”

next