Gli investitori sembrano vedere con favore la fine del governo gialloverde, che potrebbe sfociare nella formazione di un nuovo esecutivo sostenuto da M5s e Pd. Durante il discorso al Senato del premier Giuseppe Conte, che ha annunciato le dimissioni, il tasso di interesse sui titoli di Stato italiani a dieci anni ha infatti imboccato un sentiero di discesa. Il rendimento dei Btp è sceso dall’1,4% dell’apertura all’1,35%, il livello più basso da settembre 2016. Il differenziale rispetto agli omologhi tedeschi (spread), termometro del “rischio Italia” percepito dai mercati, si è ridotto di conseguenza a 203 punti base contro i 211 di martedì mattina. Va considerato che i Bund tedeschi pagano ormai da diversi mesi interessi negativi, attualmente intorno a -0,7 per cento.

Per quanto riguarda il mercato azionario, Piazza Affari ha reagito con maggiore incertezza: il listino principale, che aveva avviato la seduta già in rosso, poco dopo l’inizio del dibattito a Palazzo Madama ha aggravato le perdite fino a oltre l’1% per poi ridurle di poco, verso -0,9%. In calo i bancari, Atlantia e Buzzi Unicem.

Un analista di Citigroup citato da Bloomberg ha spiegato che i mercati temono in particolare “i piani di Salvini per aumentare la spesa, che potrebbero rinnovare il conflitto tra Roma e Bruxelles sul deficit del Paese”. Ma “se il ritorno alle urne sarà evitato, qualsiasi opzione di coalizione appare difficile da sostenere e un’elezione lampo da cui nasca un combattivo governo a guida Salvini non sarebbe chiaramente positiva per i Btp”. Di conseguenza Citigroup si attende che lo spread resti sopra i 190 punti, con la tendenza ad allargarsi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Savona (Consob): “Draghi fece il qe troppo tardi. Ora riprogrammare il bilancio dello Stato, stop a sanità gratis per chi può pagare”

next
Articolo Successivo

Crisi di governo, tasso sui Btp scende ancora: spread a 200 punti. Citigroup: “I mercati (per ora) celebrano il minor rischio Italia”

next