“Sorrido quando le persone entrano in libreria per chiedermi un selfie. Credo che la semplicità del gesto abbia conquistato il pubblico perché oggi c’è una gran voglia di fermarsi e riprendersi un po’ del tempo che la vita frenetica porta via”. Paolo Baron, libraio ed editore, quattro mesi all’anno vive nel piccolo borgo di Acciaroli, frazione di Pollica, nel Cilento. E tutti i giorni, alle 20 circa, chiude la sua libreria sul porto per 15-20 minuti per dedicarsi al tramonto, che ama fotografare. Lo scatto che ritrae la porta chiusa del negozio con il cartello “chiuso per tramonto incombente” è diventato virale da qualche mese. “Mi ritaglio ogni giorno questi minuti per godere dei colori del tramonto. Ho avuto gravi problemi agli occhi ed è una sorta di compensazione di ciò che mi è mancato per tanti anni. Forse ciò che ha colpito le persone è anche la libertà di scegliere come gestire il proprio tempo“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Open Arms, la nave dell’Ong vicina a Lampedusa: le immagini riprese dalla spiaggia

next
Articolo Successivo

Open Arms, sbarcate 4 persone per cure mediche. L’Ong: “Ora far scendere tutti”

next