“Devo tirare le orecchie al ministro dell’Interno ancora in carica, che ha detto di ricevere molte telefonate da alcuni colleghi senatori del M5s: uno di questi sono io”. A dirlo, in una diretta Facebook, il presidente della commissione Antimafia, Nicola Morra, che in diretta ha mostrato i messaggi e le telefonate inviate a Matteo Salvini dal 23 dicembre in poi. “Non ho mai ricevuto risposta. Gliel’ho detto di persona anche lo scorso 7 agosto e il suo commento è stato che non può venire ‘a rispondere di cose inventate'”. Il riferimento di Morra è alla vicenda dell’ex sottosegretario della Lega, Armando Siri, e di Paolo Arata. “Al momento di metterci la faccia, scompare, evapora. Ma quale ‘Capitano’, al massimo sei un ‘capitone'”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Crisi, Renzi: “Conte-bis? Non ho apprezzato il suo lavoro, ma valutazioni su premier e coalizione spettano a Mattarella e partiti”

prev
Articolo Successivo

Crisi di governo, Conte: “Conta chi lavora nell’interesse del Paese, non il colore politico”

next