“Devo tirare le orecchie al ministro dell’Interno ancora in carica, che ha detto di ricevere molte telefonate da alcuni colleghi senatori del M5s: uno di questi sono io”. A dirlo, in una diretta Facebook, il presidente della commissione Antimafia, Nicola Morra, che in diretta ha mostrato i messaggi e le telefonate inviate a Matteo Salvini dal 23 dicembre in poi. “Non ho mai ricevuto risposta. Gliel’ho detto di persona anche lo scorso 7 agosto e il suo commento è stato che non può venire ‘a rispondere di cose inventate'”. Il riferimento di Morra è alla vicenda dell’ex sottosegretario della Lega, Armando Siri, e di Paolo Arata. “Al momento di metterci la faccia, scompare, evapora. Ma quale ‘Capitano’, al massimo sei un ‘capitone'”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Crisi, Renzi: “Conte-bis? Non ho apprezzato il suo lavoro, ma valutazioni su premier e coalizione spettano a Mattarella e partiti”

next
Articolo Successivo

Crisi di governo, Conte: “Conta chi lavora nell’interesse del Paese, non il colore politico”

next