Un “blackout mentale”. Nell’udienza di convalida davanti al gip del Tribunale di Ravenna si è avvalsa della facoltà di non rispondere la 28enne arrestata dai carabinieri con l’accusa di avere travolto in auto e ucciso a Cervia, sul litorale Ravennate, poco prima dell’alba di domenica scorsa, il 25enne Stefano Baldisserra che stava rincasando in bici, e di essersi poi subito allontanata.

La giovane in spontanee dichiarazioni ha però insistito sul blackout mentale che l’avrebbe colta di ritorno dalla discoteca ribadendo in lacrime di non essersi accorta di nulla, forse complice la musica alta. La Procura, che oltre alla fuga le contesta l’omicidio stradale aggravato dall’alterazione psicofisica (aveva tasso alcolemico di 1,11 a diverse ore dallo schianto ed è risultata positiva ai cannabinoidi), ha chiesto la custodia cautelare in carcere. La difesa, sostenuta dall’avvocato Carlo Benini, i domiciliari. Il legale ha inoltre depositato documentazione medica che ha definito “importante”. Il gip Andrea Galanti si è riservato la decisione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sant’Anna di Stazzema e le altre stragi impunite: l’Italia ha condannato 60 nazisti, ma la Germania non ha mai eseguito gli ergastoli

prev
Articolo Successivo

Lodi, 29enne ucciso da guardia giurata: gip convalida il fermo: “Raptus di gelosia”

next