Non un vero e proprio passo indietro, ma un invito a non ricandidarsi alle regionali in programma a ottobre. E’ la richiesta avanzata da Nicola Zingaretti a Mario Oliverio, governatore della Calabria indagato per peculato dalla procura di Catanzaro. “Nelle elezioni regionali sì, questo già l’ho detto”, ha risposto il segretario del Pd a chi ad Agorà Estate gli ha domandato se al presidente della Regione non sarà chiesto un passo indietro.

“In Calabria c’è un’indagine, la Procura sta indagando – ha detto il leader dem – Abbiamo già detto, anche al presidente attuale, che io credo sia tempo opportuno, anche se è stato fatto molto, di voltare pagina, di costruire per le prossime amministrative calabresi un progetto che allarghi, che metta più forze e anche nuove energie in campo, che individui una candidatura nuova, più unitaria e che interpreti di più il rinnovamento che quella regione interpreta”. In Calabria sul governatore, però, c’è più di un’indagine: l’8 luglio la procura di Catanzaro ha chiesto il rinvio a giudizio del governatore e della deputata Pd Bruno Bossio con l’accusa di corruzione.

Un passo indietro Zingaretti lo aveva chiesto ad aprile a Catiuscia Marini, presidente dell’Umbria, indagata nell’inchiesta sui concorsi truccati nelle aziende ospedaliere della Regione. “Marini? Confido nel senso di responsabilità”, aveva detto il segretario, invitando la governatrice a trarre le conseguenze del terremoto politico che era seguito all’inchiesta.

“Condivido le parole del Segretario Nicola Zingaretti a proposito delle strategie da mettere in campo in vista delle prossime elezioni regionali – ha commentato il senatore Pd Ernesto Magorno – Bisogna voltare pagina e perseguire la strada del rinnovamento, è questa la base per costruire un progetto serio e credibile agli occhi degli elettori.”

Community - Condividi gli articoli ed ottieni crediti
Articolo Precedente

Tav, quella di ieri è stata una vittoria effimera. E il Pd resta un giallo senza soluzione

next
Articolo Successivo

Renzi: “Nascerà una forza di centro, magari più di una. Io? Ormai solo un osservatore”. Sole 24 Ore: “A settembre pronto a lasciare Pd”

next