Samsung ha presentato a New York i nuovi Galaxy Note 10 e Note 10+. I due smartphone Android si posizionano nella fascia alta del mercato, con la versione più “economica” a 979 euro, e sono pronti a sfidare i nuovi iPhone che Apple svelerà a settembre. I dispositivi dell’azienda sudcoreana hanno comunque un accessorio che manca ai prodotti della “Mela”: un inconfondibile asso nella manica, la S-Pen.

Si tratta di un pennino che si estrae dal bordo inferiore dei Galaxy Note 10, trasformandoli in veri e propri taccuini per prendere appunti in mobilità. La S-Pen è infatti in grado di simulare il funzionamento delle penne vere e proprie, consentendo di poter letteralmente scrivere sullo schermo di questi smartphone.

In realtà questo accessorio permette anche di modificare al volo video e fotografie e persino comandare a distanza il comparto fotografico. Immaginate di dover scattare un selfie di gruppo: vi basterà controllare l’inquadratura e premere il pulsante della S-Pen, senza la necessità di fare acrobazie con le mani. Una grande comodità.

Ovviamente, i nuovi smartphone Samsung offrono tanto altro, a cominciare dai bellissimi display. Il Galaxy Note 10 ne ha a disposizione uno da 6,3 pollici con risoluzione di 2280 x 1080 pixel, mentre il Note 10+ può contare su un pannello da ben 6,8 pollici con risoluzione di 3040 x 1440 pixel: l’iPhone XS Max, che è già un dispositivo molto grande, si ferma a 6,5 pollici.

In entrambi i casi si tratta di pannelli Dynamic AMOLED (gli stessi visti sul Galaxy S10+, trovate qui la nostra recensione) con supporto allo standard HDR10+. Quest’ultimo particolare non è da sottovalutare, in quanto consentirà di poter visionare i contenuti di piattaforme come Netflix e Amazon alla massima qualità possibile.

Dicevamo delle dimensioni. Sono entrambi decisamente ingombranti, difficili da utilizzare con una sola mano, specie il Galaxy Note 10+. Di contro però la scocca è realizzata interamente in vetro e Samsung è riuscita a eliminare il notch (la tacca superiore introdotta da Apple con iPhone X), inserendo la fotocamera anteriore da 10 Megapixel in un vero e proprio foro praticato sui display.

Una soluzione estetica che sembra essere decisamente più discreta, senza peraltro creare grattacapi durante la fruizione di contenuti multimediali sugli schermi. Per quanto riguarda invece la memoria interna, si passa dai 256 Gigabyte del Note 10 (non espandibili) ai 256 o 512 Gigabyte del Note 10+ a seconda della versione scelta (in questo caso espandibili attraverso le schede micro-SD).

Sul retro del Note 10 ci sono inoltre tre sensori fotografici: principale da 12 Megapixel, secondario da 16 Megapixel grandangolare a 123°, terzo teleobiettivo da 12 Megapixel per lo zoom. Per quanto riguarda il Galaxy Note 10+ invece, ai tre sensori già citati si aggiunge un quarto per la profondità di campo, ovvero per ottenere i così detti effetti bokeh (soggetto e fuoco e sfondo sfocato) più naturali.

Entrambi sono Dual SIM e godono di un audio stereo, realizzato tra l’altro in collaborazione con AKG, una partnership che ormai si ripropone in tutti i top di gamma targati Samsung (anche perché l’azienda sudcoreana ha acquisito quella austriaca). È compresa la certificazione di impermeabilità IP68.

Samsung ha oltre studiato tutta una serie di soluzioni per la produttività, e tra queste menzione a parte merita l’accordo stretto con Microsoft. Questa collaborazione consentirà ai Galaxy Note 10 di godere, con Windows, della medesima integrazione vista tra Mac e iPhone: risposta alle telefonate, visualizzazione delle notifiche e dei messaggi, visualizzazione al volo delle foto recenti.

Le prenotazioni sono partite ieri, mercoledì 7 agosto, e si protrarranno fino al 22 agosto. Galaxy Note 10 sarà disponibile in due colorazioni, Aura Glow e Aura Black, al prezzo di 979 euro con 8 Gigabyte di RAM e 256 Gigabyte di memoria interna. Note10+ invece, sarà disponibile nelle varianti cromatiche Aura Glow, Aura Black e Aura White, con prezzi di 1.129 euro (12/256 GB) e 1.229 euro (12/512 GB).

Esiste in realtà una terza variante, ovvero il Galaxy Note 10+ 5G. Le caratteristiche sono identiche a quelle del Galaxy Note 10+, con la differenza però di essere compatibile con il nuovo standard di rete 5G. Anche questa versione arriverà in Italia e per acquistarla saranno necessari 1.229 euro.

L’arrivo sul mercato dei nuovi smartphone Samsung è comunque fissato per il 23 agosto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

PG Nationals, il racconto delle finali dei campionati nazionali di LoL e R6 targati PG Esports

prev
Articolo Successivo

Gli utenti colpiti dai malware che rubano le password sono aumentati del 60% nel 2019

next