Un bagliore improvviso su Giove, probabilmente dovuto all’impatto di un meteorite, è stato filmato per caso il 7 agosto dall’astrofotografo texano Ethan Chappel, che sul momento non si era accorto di nulla perché distratto dalle stelle cadenti. Gli impatti sul pianeta non sono eventi rari, ma particolarmente difficili da immortalare, tanto che gli ultimi avvistamenti del genere risalgono al 2009 e 2010, come ricorda il sito ScienceAlert. Sebbene non sia possibile stimare la grandezza del corpo che ha provocato l’esplosione, è probabile che abbia lasciato segni che possano essere studiati per esempio dalla sonda Juno della Nasa.

Giove è infatti sempre sotto la lente degli astronomi, anche grazie a strumenti come il telescopio spaziale Hubble, della Nasa e dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa), che ha appena firmato un ritratto inedito del gigante gassoso, con una gamma di marroni, aranci e gialli che definiscono le nubi del pianeta in maniera più ricca e intensa del solito. Al centro spicca la Grande Macchia Rossa, la gigantesca tempesta anticiclonica che ruota in senso antiorario con un diametro pari a quello della Terra. La nuova immagine sembra confermare che questa tempesta in atto da almeno 150 anni si stia ridimensionando: la ragione non è ancora nota e per questo Hubble continuerà a puntare i suoi ‘occhi’ su Giove nella speranza di catturare nuove immagini che aiutino gli astronomi a risolvere l’enigma.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cellule staminali, ottenuto in provetta il primo embrione (di topo) impiantabile

prev
Articolo Successivo

Scovato il buco nero più distante mai osservato grazie al telescopio Chandra della Nasa

next