Gli immigrati danno impulso al mercato immobiliare italiano, che nel 2019 vede le compravendite incrementate del 13,7% rispetto al 2018, per un ammontare complessivo di 58mila scambi a chiusura d’anno: 5 miliardi di euro il fatturato stimato a chiusura 2019 (+11,1%). Una discreta boccata d’ossigeno visto anche che gli acquisti si indirizzano su immobili di qualità e in aree di valore mediobasso, proprio quelli che costituiscono la zavorra e la zona più affollata del mercato immobiliare. In 12 anni gli immigrati hanno infatti iniettato 100 miliardi di euro con 860 mila abitazioni acquistate, che nei prossimi anni sfioreranno il milione. I dati sono quelli del quindicesimo Rapporto “Immigrati e casa: un mercato in crescita” realizzato da Scenari Immobiliari secondo il quale il 21,5% degli immigrati abita in una casa di proprietà.

L’incidenza percentuale delle compravendite da parte di immigrati sul totale nel 2019 è circa il 9%. Il 63,5% è in affitto, mentre il 7,7% abita presso il luogo di lavoro e il 7,3% alloggia da parenti o altri connazionali. Le dieci province dove si concentra il maggior numero di acquisti da parte di immigrati sono Milano, Roma, Bari, Torino, Prato, Brescia, Cremona, Vicenza, Ragusa, Modena e Treviso. La forbice corrente dei prezzi spesi va da 70mila a 130mila euro. Dopo il picco di vendite del 2007, spiega il Rapporto, le vendite agli immigrati erano via via rallentate, complici crisi e stretta sul credito fino al 2015 quando il mercato ha ricominciato a crescere con un aumento costante.

I lavoratori stranieri comprano la casa in Italia quando decidono di restare: la qualità degli immobili è bassa e chi riesce a ottenere il credito bancario cerca una casa mediamente grande, dove accogliere tutta la famiglia. Gli stranieri comprano appartamenti, ma anche villette più o meno grandi in campagna, dove poter magari avviare una piccola attività agricola. Relativamente all’area geografica di provenienza degli acquirenti, si evidenziano tre grandi gruppi: provenienti da est-Europa (59,2%), Cina (12,7%) e India e Paesi limitrofi (12,5%). Guardando alla distribuzione sul territorio nazionale, al nord è localizzato il 74% degli acquisti (in testa la Lombardia, che ricopre un quinto del mercato), al centro il 22%, mentre soltanto il 4% è localizzato al sud e nelle isole.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Prato, madre di un bambino autistico sfrattata dalla casa popolare perché “possiede già un camper”. Assessore: “Approfondiremo”

next
Articolo Successivo

Grecia, scienziata 34enne trovata morta sull’isola di Icaria. Era uscita per fare jogging e non è più tornata

next