Tre fucili, di cui uno a canne mozze, sette pistole, centinaia di munizioni di diverso calibro, 2 mirini di precisione, 250 carte d’identità in bianco, uno strumento meccanico per la produzione di munizioni e un chilo di marijuana già essiccata e confezionata sono stati sequestrati dalla Guardia di finanza di Crotone che ha arrestato tre persone.

L’operazione denominata “Estate di fuoco” ha permesso di scoprire l’arsenale e tutto il materiale all’interno di alcuni capannoni di località Gabella, a Crotone, utilizzati per la lavorazione di ferro e pellame. Le armi e la droga erano stati nascosti in macchinari e frigoriferi in disuso o sotterrati in zone vicine a canneti in un terreno di proprietà di uno degli arrestati. Le carte d’identità in bianco, invece, sono state trovate all’interno di un fusto di plastica chiuso ermeticamente. Le armi, tutte in buono stato di conservazione, saranno sottoposte ad accertamenti balistici per verificarne l’eventuale uso recente in azioni criminali.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Maltempo, frane nel Lecchese: oltre 140 persone sfollate a Casargo. Il sindaco: “Il governo ci dia lo stato di calamità”

prev
Articolo Successivo

Maltempo, 140 evacuati nel Lecchese. Auto travolte dal fango: le immagini impressionanti

next