Se Milano festeggia, la Liguria, in particolare Albenga, rimane delusa. E’ stata annunciata, a sorpresa, l’ultima tappa del Jova Beach Party che si terrà il 21 settembre all’aeroporto di Milano Linate, lo scalo milanese chiuso per restauri fino al 27 ottobre. Rimangono così delusi i liguri che si aspettavano un recupero della data annullata del 27 luglio ad Albenga a causa dell’erosione del Lido. Lo stesso sindaco Riccardo Tomatis, in una nota spiega: “E’ stata scelta Milano Linate per effettuare l’ultima tappa del tour di Jovanotti. A tal proposito vorrei sottolineare come, nell’immediatezza della notizia dell’annullamento della tappa Ingauna, causata indiscutibilmente da una riduzione della superficie della spiaggia a seguito della mareggiata del 15 luglio e rilevata da un tecnico che ha reso pubblico il rilievo, la nostra Amministrazione si è attivata immediatamente per valutare soluzioni alternative. Ho personalmente contattato l’Amministratore delegato dell’Aeroporto di Villanova d’Albenga Alessandro Pasqualini per chiedere l’eventuale disponibilità di quella location, ma purtroppo tale tentativo non è andato a buon fine”.

Nel frattempo rimane in sospeso ancora la tappa di Vasto del 17 agosto, nella località di Fosso Marino. C’è uno scontro istituzionale tra il sindaco Francesco Manna e gli ambientalisti, specie dopo l’interruzione dei lavori delle ruspe nelle scorse ore ad opera dei carabinieri forestali. Si spera che la situazione possa sbloccarsi in qualche modo già nelle prossime ore.

Intanto la Lombardia e i milanesi festeggiano per il prossimo Jova Beach Party a Linate. L’annuncio è stato dato da Jovanotti sui social con l’illustrazione del Duomo e dello stesso cantante che volano: “Jova Beach Party Milano. Si vooola. Ultima chiamata volo Jbp 2019”. Il concerto dovrebbe svolgersi nell’area erbosa fra i due terminal quello commerciale e quello privato. Lo show durerà da mezzogiorno a mezzanotte. Intanto continua il tour, ieri si è svolta la tappa al Lungomare Fermano con l’ospite speciale Frankie Hi-nrg MC.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Marche, il festival Fat Fat Fat unisce musica cibo e marketing. E non finisce qui

prev
Articolo Successivo

Da Katy Perry a Michael Jackson, ai Queen e i Coldplay: tutte le cause (e le condanne) milionarie per plagio

next