Metti due borghi storici tra i più belli d’Italia, ospitati da una regione, le Marche, piegata ma non spezzata dai noti eventi sismici. Anzi, è ormai uno dei luoghi turisticamente più appetitosi della penisola, grazie anche a un’intelligente e non episodica campagna di marketing territoriale. Aggiungi una rassegna musicale davvero all’avanguardia, con un fil rouge non pretestuoso e nomi importanti e influenti, non messi in fila un po’ a caso alla maniera della maggior parte delle kermesse estive.

Questo weekend, da venerdì 2 a domenica 4 agosto, le colline marchigiane si accendono di un evento intitolato “FAT FAT FAT”. Corridonia e Morrovalle (questi i due paesi coinvolti), alle porte di Macerata, diventeranno il palcoscenico naturale per i live e i dj set di personalità musicali, italiane e internazionali, riassumibili sotto il fileclubbing del futuro”, sofisticato ma per tutti. La black music che verrà, nelle sue principali sfaccettature: è questa l’anima portante del festival.

Fuori i nomi. “FAT FAT FAT” darà asilo artistico, in ordine sparso, a Mr. Kenny Dixon Jr, meglio conosciuto come Moodymann, tra i dj e producer più blasonati nella scena club globale; a un alfiere di punta della nuova scena sperimentale Hip-Hop americana come Shigeto, in combutta creativa col producer dalle forti influenze jazz Mark de Clive-Lowe, e con la cantante Melanie Chares, una voce che resta impressa. Annunciati anche Drummer from Detroit, conosciuto anche come Dez Andrés, inesauribile collezionista di vinili e re Mida di dischi house. Questa volta suonerà le percussioni.

E non finisce qui. Spazio pure all’esoterismo di Hieroglyphic Being, il sound artist e compositore americano che ha attirato su di sé l’interesse di etichette-faro come Ninja Tune; al set energico di Kyle Hall, erede della mitica techno di Detroit e anello di congiunzione tra due generazioni di dj. E a tanti altri.

Spettacolari anche le location, Grancia di Sarrocciano (Corridonia) e Piazza Vittorio Emanuele II (Morrovalle). La prima risale al periodo romano, e trasuda storia, sulla piana del fiume Chienti. Piazza Vittorio Emanuele II è il fulcro della vita della comunità, e vanta origini altomedievali. Due parole, infine, sul cibo. Saranno scodellati esclusivamente piatti locali, come vincisgrassi (lasagna tipica del posto) e il ciauscolo, il salame spalmabile marchigiano. Previsto un percorso tra le trattorie, i locali e le osterie più frequentate della zona. Km zero a tavola, distanze infinite per la musica.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Jovanotti: “Dopo il tour farò da Lima a Buenos Aires in bici, solo e senza musica”

next
Articolo Successivo

Jova Beach Party, Jovanotti annuncia il gran finale a settembre a Linate: ma la Liguria polemizza

next