Ancora un’installazione per sfidare il muro sul confine tra Stati Uniti e Messico. Due artisti hanno costruito un bilico, l’altena composta da un asse su cui due vertici opposti si siedono i bambini dondolandosi, proprio tra le sbarre della barriera già costruita tra California e Messico, permettendo così ai bambini americani e messicani di giocare insieme. Ronald Rael, professore di architettura di Berkeley e Virginia San Fratello, professoressa di design alla San Jose State, già nel 2009 avevano realizzato il progetto per la “Teetertotter Wall’’, con l’idea di trasformare il muro da elemento di divisione “a fulcro” letterale tra i due Paesi, momento di incontro e interazione. Ora che Donald Trump ha ottenuto dalla Corte Suprema lo sblocco dei fondi per la costruzione del suo più ampio muro, i due artisti hanno deciso di realizzare questo progetto con un’installazione performance a cui ieri hanno partecipato molte persone sui due lati del confine.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Iran, condannato a morte ex sindaco Teheran che confessò in tv di aver ucciso la moglie

prev
Articolo Successivo

Boko Haram, dieci anni di rapimenti, attentati ed esecuzioni. Oltre 27mila morti che ne hanno fatto uno dei gruppi più sanguinari del mondo

next