Non mettete ghiaccioli nella vagina, è pericoloso“. È l’allarme lanciato in questi giorni di caldo record da una ginecologa inglese che, dopo le segnalazioni di diversi casi nel Regno Unito, ha deciso di intervenire per mettere in guardia sui rischi di questa pratica usata spesso nell’intimità anche come gioco erotico. “Il ghiaccio può attaccarsi alla pelle delicata della vagina e causare traumi e danni anche gravi, ha spiegato al Sun la dottoressa Sarah Welsh.

“La vagina è composta da una pelle molto delicata e sensibile. Inoltre – ha aggiunto – inserire qualsiasi alimento nella vagina può introdurre microbi, interrompendo il suo normale equilibrio e consentendo a un ambiente di crescita batterica e allo sviluppo di infezioni“. “Il ghiaccio a contatto con il calore del corpo si scioglie velocemente e così il liquido come qualsiasi altra cosa con colorante alimentare, colorante, profumo o alti livelli di zucchero avrà un impatto negativo sul pH vaginale e sul lattobacillo e potrebbe aumentare il rischio di infezione vaginale come mughetto e vaginosi batterica”, ha aggiunto la collega ginecologa Anne Henderson avvertendo sulle patologie che si rischiano di contrarre con questa pratica.

Non solo, Henderson precisa anche che si tratta di “un esercizio inutile poiché la temperatura corporea interna, compresa quella degli organi interni come la vagina, è impostata dal cervello e non può essere modificata dall’applicazione di alcun agente di raffreddamento come il ghiaccio, che nella migliore delle ipotesi fornirà un sollievo molto temporaneo prima che la temperatura aumenti di nuovo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Di sesso anale si parla poco: torniamo all’abc

next
Articolo Successivo

Giornata mondiale dell’orgasmo, liberiamoci dei dubbi (e di un grande nemico)

next