Non mettete ghiaccioli nella vagina, è pericoloso“. È l’allarme lanciato in questi giorni di caldo record da una ginecologa inglese che, dopo le segnalazioni di diversi casi nel Regno Unito, ha deciso di intervenire per mettere in guardia sui rischi di questa pratica usata spesso nell’intimità anche come gioco erotico. “Il ghiaccio può attaccarsi alla pelle delicata della vagina e causare traumi e danni anche gravi, ha spiegato al Sun la dottoressa Sarah Welsh.

“La vagina è composta da una pelle molto delicata e sensibile. Inoltre – ha aggiunto – inserire qualsiasi alimento nella vagina può introdurre microbi, interrompendo il suo normale equilibrio e consentendo a un ambiente di crescita batterica e allo sviluppo di infezioni“. “Il ghiaccio a contatto con il calore del corpo si scioglie velocemente e così il liquido come qualsiasi altra cosa con colorante alimentare, colorante, profumo o alti livelli di zucchero avrà un impatto negativo sul pH vaginale e sul lattobacillo e potrebbe aumentare il rischio di infezione vaginale come mughetto e vaginosi batterica”, ha aggiunto la collega ginecologa Anne Henderson avvertendo sulle patologie che si rischiano di contrarre con questa pratica.

Non solo, Henderson precisa anche che si tratta di “un esercizio inutile poiché la temperatura corporea interna, compresa quella degli organi interni come la vagina, è impostata dal cervello e non può essere modificata dall’applicazione di alcun agente di raffreddamento come il ghiaccio, che nella migliore delle ipotesi fornirà un sollievo molto temporaneo prima che la temperatura aumenti di nuovo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Di sesso anale si parla poco: torniamo all’abc

next
Articolo Successivo

Giornata mondiale dell’orgasmo, liberiamoci dei dubbi (e di un grande nemico)

next