Paura questa mattina nella metropolitana di Londra per un “sospetto attacco” a base di gas lacrimogeno. Come riporta la stampa britannica, fra cui la Bbc, intorno alle 9.13 – ore 10.13 italiane – numerosi passeggeri che erano a bordi di un treno che stava transitando nella centralissima stazione di Oxford Circus hanno iniziato ad accusare bruciore agli occhi e difficoltà respiratorie.

Il treno si è fermato permettendo ai paramedici di soccorrere le persone intossicate, per la cui preoccupazione “non ci sono ulteriori preoccupazioni“. Il gas rilasciato sarebbe del tipo Cs, noto anche come gas lacrimogeno, solitamente usato dalle forze dell’ordine per allontanare i facinorosi durante manifestazioni politiche e sportive. La polizia sta cercando 2 persone, immortalate dalle immagini della sicurezza ed ha lanciato un appello ai testimoni.

Un passeggero che si trovava sulla metropolitana nella stazione di Oxford Circus conferma alla Bbc di avere visto due persone agire in maniera sospetta prima del gran trambusto che si è scatenato a bordo. Secondo Michael Roberts, che era in metropolitana con la fidanzata, i due sarebbero stati ubriachi mentre “cercavano freneticamente di entrare nella carrozza”.

All’improvviso, “tutti si sono resi conto che non si riusciva a respirare bene“, ha detto ancora il giovane spiegando di essersi dovuto mettere la maglietta sopra la bocca per proteggersi. Gli effetti del gas, ha detto, sono durati circa un’ora e tutta la situazione è stata “abbastanza spaventosa“. Nessuno al momento risulta comunque avere riportato gravi conseguenze.

Intorno all’ora di pranzo, la London Transport Police ha precisato via Twitter che il gas sarebbe stato spruzzato “con una bomboletta portatile durante una rissa fra alcuni passeggeri”. La polizia “esclude dunque ipotesi di attentati terroristici“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Youtube, violata la legge che protegge bambini e loro dati web: in arrivo maxi multa a Google

prev
Articolo Successivo

Bambina rimane incastrata tra le grate del balcone al quinto piano: il salvataggio è da brividi

next