Non si trova più agli arresti domiciliari Claudio Foti, 68 anni, psicoterapeuta e direttore scientifico della onlus “Hansel e Gretel” di Torino coinvolto nell’inchiesta Angeli e Demoni della procura di Reggio Emilia su un presunto giro di affidi illeciti a Bibbiano, nella Val D’Enza. A decidere è stato il tribunale del Riesame di Bologna, dopo l’istanza dell’avvocato Girolamo Andrea Coffari. Il giudice ha disposto la misura dell’obbligo di dimora nel Comune di Pinerolo, in provincia di Torino, dove Foti abita, ma il provvedimento è legato solo al reato contestato di abuso d’ufficio e non per quelli che riguarda la sua attività terapeutica.

Lo psicoterapeuta infatti, come spiega il legale, aveva due capi d’accusa: “Uno riguardava l’aver manipolato la mente di una ragazza durante le sedute di psicoterapia; l’altro è l’abuso d’ufficio in concorso perché sarebbe stato consapevole che le psicoterapie che gli venivano pagate dovevano essere bandite con concorso e non affidate direttamente. Sul primo capo d’accusa, il più pesante che riguarda la sua professione, c’è stato l’annullamento dell’ordinanza, che è stata impugnata”.

Le motivazioni del tribunale del Riesame di Bologna “arriveranno in 45 giorni, ma comunque il giudice non ha ritenuto che ci siano gravi indizi di colpevolezza, come io ho sempre sostenuto”, ha aggiunto. Foti ora dovrà risiedere a Pinerolo, “con possibilità di svolgere la sua professione” e la misura è limitata “al capo d’accusa sull’abuso d’ufficio“, dice il suo avvocato. “Questa accusa però non mi preoccupa, dimostreremo la sua innocenza anche in questo caso”, conclude il legale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sea Watch, ecco la querela di Carola Rackete a Salvini: “Da lui aggressioni diffamatorie e gratuite. Sequestrate i suoi account social”

next
Articolo Successivo

Stadio della Roma, dodici a processo tra cui l’imprenditore Parnasi e due politici

next