Si discute del tema rifiuti e in studio compare della spazzatura, con tanto di sacchi, televisori vecchi, materassi e addirittura un bidet. Poi mentre il conduttore si chiede: “Chi fa affari con i rifiuti?” nel videowall alle sue spalle appaiono delle fiamme, che sembrano quasi avvolgerlo. Queste sono solo alcune delle cose che si sono viste nell’ultima puntata di Fuori dal coro, il programma in prima serata su Rete 4 condotto da Mario Giordano, andata in onda giovedì 18 luglio. Un finale di stagione che si farà ricordare dal momento che il talk politico si è trasformato in un vero e proprio show, con un cambiamento dello stile di narrazione che non è affatto passato inosservato, come sottolinea Tvblog. Il padrone di casa, Mario Giordano, ha infatti monopolizzato la scena, prima attaccandosi alla telecamera e scuotendola poi avviando una vera e propria spettacolarizzazione dei temi trattati.

Mentre si parlava dei bus che a Roma si guastano sempre più spesso, talvolta addirittura incendiandosi, ed ecco che torna il fuoco alle spalle del giornalista. Ma la trovata più eclatante arriva poco dopo, quando in studio entrano una serie di modelli muscolosi, vestiti in quello che Giordano definisce il modo giusto per viaggiare sicuri sui bus della Capitale. Ad esempio, c’è quello con tuta ignifuga per proteggersi in caso di incendio e, infine, quello “per qualunque evenienza”, con sacco a pelo e spazzolino in caso di lunghe attese. O ancora quello a torso nudo in foto, che sfoggia il look perfetto per chi deve spingere i bus in fiamme. Insomma, un vero e proprio show.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caduta Libera, la polemica di Gerry Scotti: “Ai delinquenti voglio vedere le manette ai polsi, fatele vedere”

next
Articolo Successivo

Sbarco sulla Luna, la diretta tv fu un punto di non ritorno

next