C’era già la locandina, il tema, le date: ma il Festival Adarte di Calcata, in provincia di Viterbo, quest’anno non si farà. La rassegna dedicata al teatro e al cinema indipendente è nata sei anni fa dall’attore e regista Igor Mattei e Marina Biondi, ma non è stata rinnovata per una sesta edizione. “Gli scorsi anni avevamo raggiunto un accordo con il comune di Calcata di un biglietto all’ingresso del paese, di cinque euro, per i tre giorni della manifestazione – spiega Igor Mattei a Ilfattoquotidiano.it – ma quest’anno non abbiamo trovato un’intesa. Siamo un festival autofinanziato, oltre al crowdfunding i biglietti erano l’unica forma di sostentamento: non abbiamo finanziamenti regionali, in questo modo è andata in tilt l’intera produzione“.

La kermesse culturale quest’anno si sarebbe dovuta svolgere dal 30 agosto al 1 settembre, sempre nel borgo di Calcata. Il tema scelto era quello delle “invenzioni”, della fantasia creativa. Tre giorni dedicati a teatro, danza, cinema e a tutte quelle forme artistiche che cercano nuove strade e nuovi linguaggi, al di fuori delle logiche di mercato. “Sosteniamo la cultura emergente e indipendente ospitando artisti da tutt’Italia, che altrimenti non troverebbero spazio. In tre giorni trasformiamo la città in un palcoscenico a cielo aperto, quasi novanta diversi eventi in tre giorni: è un’occasione culturale sprecata”, commenta Mattei. Per il prossimo anno, si stanno valutando nuove opzioni. Tuttavia, dice sicuro, non si tratta di un addio ma di un arrivederci: “Non abbiamo intenzione di mandar sprecato anni di lavoro, rimetteremo presto in acqua la nostra barca”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Luciano De Crescenzo è morto. Addio all’ingegnere, regista, attore: la sua vita Da Arbore all’amore con la Rossellini

prev
Articolo Successivo

Pino Santarelli e Aboubakar Soumahoro, due storie italiane per ritrovare la nostra identità

next