C’erano 31 persone a bordo di una giostra con il braccio rotante quando all’improvviso, per cause ancora da accertare, mentre stava compiendo un’evoluzione in aria il pilone portante si è spezzato, precipitando nel vuoto con tutte le persone che vi erano sopra. È successo in India, nel parco giochi di Ahmedabad, come riferiscono i media locali: due persone sono morte e altre 29 sono rimaste ferite, alcune delle quali in gravi condizioni. La tragedia è stata immortalata in un video, pubblicato sui social da un testimone che si trovava poco distante dal luogo dell’incidente e stava riprendendo la giostra, ignaro di quello che sarebbe accaduto di lì a pochi istanti. 

L’impatto con il suolo della capsula con a bordo le 31 persone è stato molto forte dal momento che la giostra si trovava a diversi metri d’altezza: dalle immagini si vede il braccio che regge la capsula con il pubblico prima piegarsi e poi spezzarsi in due pezzi. Dopo l’impatto, i presenti sono subito accorsi per prestare soccorso e cercare di liberare chi si trovava seduto all’interno. “La polizia, in azione congiunta con i medici legali, sono appena giunti sul posto e stanno cercando di capire cosa ha causato questo terribile incidente”, ha detto Vijay Nehra, consigliere comunale di Ahmedabad, annunciando l’apertura di un’inchiesta per far luce sulla dinamica dell’incidente e sulle eventuali responsabilità.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Chernobyl, uno dei “liquidatori eroi” vede la serie tv e si suicida: “Gli avevano negato la casa popolare”

next
Articolo Successivo

Uccide la sua fidanzata 17enne e posta la foto del cadavere su diversi social

next