80 anni sono tanti per un’auto, anche se l’auto in questione è un’icona assoluta. Tuttavia, se c’è un modello che merita di aver “staccato” un record del genere, quello è proprio il Maggiolino. Oggi, dopo oltre 21 milioni di esemplari prodotti e distribuiti in giro per il mondo, l’ultimo di questi uscirà dalle linee di produzione dell’unica fabbrica che finora ha continuato a fabbricarlo: quella di Puebla, in Messico.

Nacque per volontà di Hitler, ma vide il suo sviluppo più pieno dopo la seconda guerra mondiale, come simbolo di rinascita della Germania e di motorizzazione di massa. Un po’ come la Fiat 500 da noi. Ma il Maggiolino, se possibile, riuscì ad essere protagonista anche molto al di fuori dei confini tedeschi e durante tutti i decenni a seguire. Al punto da conquistare gi Stati Uniti (anche nel cinema, basti pensare a “Herbie, il Maggiolino tutto matto”, giusto per fare un esempio), diventando il simbolo degli Hippy americani insieme ad un altro mezzo marchiato Volkswagen: il van Bulli.

Più volte destinato a “soccombere” dinnanzi a modelli più moderni, in realtà il Maggiolino ha sempre tirato avanti conquistandosi il proprio spazio e convincendo i manager di turno a Wolfsburg a rinnovargli la fiducia. Fino a questo 10 luglio, destinato a restare nei libri di storia come l’ultimo giorno della Beetle. Che, tuttavia, potrebbe ancora stupire: non è escluso infatti che possa tornare in futuro, magari “powered by” quella tecnologia elettrificata di cui il gruppo Vw dispone ampiamente. Gli appassionati se lo augurano. Intanto, onore.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

USA, è morto Lee Iacocca: da figlio di immigrati a salvatore della Chrysler

next
Articolo Successivo

Classe A Sedan, CLA e Classe C: le tre variazioni sul tema di Mercedes-Benz

next