Nintendo ha annunciato Switch Lite, una nuova versione della Switch che punta esclusivamente al gioco in mobilità grazie alle dimensioni più ridotte, con arrivo sul mercato previsto per il 20 Settembre.

La nuova Nintendo Switch Lite arriverà in 3 colori (giallo, grigio e turchese), equipaggerà uno schermo da 5,5″ (invece del 6.2″ presente sul modello più grande) ed avrà i controlli integrati con la scocca della console, e non i due joycon separabili, vedendo il suo peso totale aggirarsi sui 275g, contro i circa 398g della Switch comprensiva di controller; simile la durata prevista per la batteria, 6h di utilizzo generale, circa 4 con giochi come The Legend of Zelda: Breath of the Wild.
Se la Switch del 2017 è stata pensata per essere utilizzata sia in mobilità, sia in casa collegata al televisore o poggiata su una superficie (estraendo l’apposito supporto da tavolo), il nuovo modello è pensato esclusivamente per essere una console portatile, quindi sarà compatibile con tutti i titoli che supportano la modalità handheld, inclusa la possibilità di giocarli in multiplayer online o locale, ma non con quelli pensati esclusivamente per l’uso in salotto; sarà possibile comunque usare la Switch Lite con i giochi che supportano la modalità “tabletop”, ma sarà necessario acquistare separatamente una coppia di JoyCon e collegarli alla console.

Non è stato ancora reso noto il prezzo, ma viste le limitazioni rispetto alla Nintendo Switch, possiamo ipotizzare che vada a posizionarsi in una fascia di prezzo inferiore rispetto a quest’ultima, mentre è stato annunciato che in occasione con l’arrivo sul mercato di Pokémon Spada e Scudo sarà commercializzata l’edizione limitata “Zacian & Zamazenta della Switch Lite, che vedrà sul retro riprodotti i due nuovi Pokémon leggendari ed utilizzate le colorazioni magenda e ciano per i tasti.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Logitech G Pro e G Pro X sono le nuove cuffie per videogiocatori esigenti

prev
Articolo Successivo

Migliore sicurezza e medicina avanzata grazie a una ricerca sulla radiazione Terahertz

next