L’ex comandante generale dei carabinieri Tullio Del Sette e l’ex comandante regionale della Sardegna Antonio Bacile sono stati rinviati a giudizio dal gup di Roma per abuso d’ufficio. Entrambi sono accusati di avere adottato “illegittimi provvedimenti di demansionamento e trasferimento ad altri uffici” di un colonnello, di un luogotenente e di un tenente dei carabinieri. Con lui è finito a giudizio anche Gianni Pitzianti, delegato del Cocer-Cobar, l’organismo di rappresentanza dell’Arma. Il processo inizierà il 5 novembre. Il giudice ha fatto cadere l’accusa di omissione di atti di ufficio per Del Sette e Bacile. L’inchiesta era stata avviata dalla Procura di Sassari e poi trasferita a Roma per competenza territoriale.

Come aveva scritto ad aprile il Fatto Quotidiano, pochi giorni dopo aver ricevuto le carte del comando generale, la procura romana aveva chiesto l’archiviazione per tutti gli indagati, ma il gip Clementina Forleo aveva ordinato l’imputazione coatta. A Del Sette viene contestato il trasferimento del colonnello Giovanni Adamo, disposto per assecondare le richieste del sindacato interno.

Del Sette è imputato anche nel processo sul caso Consip, insieme all’ex ministro Luca Lotti. Il generale deve rispondere rivelazione del segreto d’ufficio. Secondo la tesi della Procura, l’ex comandante dell’Arma avrebbe rivelato all’allora presidente Consip, Luigi Ferrara, che c’era una indagine in corso sull’imprenditore Alfredo Romeo (che aveva partecipato ad alcune gare di Consip) con l’invito ad essere cauto nelle comunicazioni. L’avvocato di Del Sette ha sempre spiegato di non aver mai rivelato niente a nessuno. “Le dichiarazioni di Ferrara – aveva spiegato tra l’altro l’avvocato, Roberto De Vita – sono lineari e credibili: interrogato due volte a Napoli e una volta a Roma, ha escluso nel modo più assoluto che Del Sette gli abbia riferito dell’indagine a Napoli”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ex Ilva, la procura di Taranto ordina di spegnere l’altoforno 2: “Impianto non è sicuro per gli operai”

prev
Articolo Successivo

Campania, contestazioni della Corte dei Conti a De Luca e 33 consiglieri regionali: “Crearono commissione inutile e costosa”

next