Nel corso delle ultime settimane abbiamo avuto modo di provare il Thrustmaster T300RS, un volante per giocare con i videogame di guida di livello medio compatibile con PlayStation 3/4 e PC, caratterizzato da un motore per il Force Feedbackbrushless” ed una meccanica interna a doppia cinghia.

Il T300RS è commercializzato in un confezione che include il corpo centrale, cuore del sistema che contiene motore e parti meccaniche, il volante, da collegare al corpo centrale,  una pedaliera a 2 pedali ed i supporti per agganciarlo alla scrivania. Prima di utilizzarlo in gioco sarà necessario dedicare dunque qualche minuto per montare il tutto: collegare il volante al corpo centrale del T300RS non è difficile ma richiede un minimo d’attenzione nell’allineare correttamente il connettore al suo interno con la presa presente nel “piantone” – la sagoma a croce che lo circonda limita le possibilità di errore -, dopodichè basterà avvitare la copertura esterna del piantone stesso alla parte filettata sul retro del volante per saldare il tutto; molto semplice la connessione della pedaliera, basta infatti collegare il connettore RJ del suo cavo all’apposita porta sul retro dell’unità centrale. Il supporto per scrivanie/tavoli permette di fissare saldamente il volante di Thrustmaster a superfici con spessori e sagome varie grazie alla sua forma ad arco, alla superficie a contatto con l’unità centrale tondeggiante ed ai piedini gommati, regolabili in angolo, sulla parte opposta, il tutto supportato da un perno che permette di stringere il tutto senza la necessità di attrezzi; sia l’unità centrale che la pedaliera presentano appositi fori filettati per utilizzarli con un postazione dedicata al volante invece della scrivania.

A prima vista il T300RS mostra una certa solidità dei materiali, cosa che si conferma durante il suo utilizzo: la pedaliera nonostante esternamente si presenti quasi interamente di plastica (i pedali di per se sono metallici, così come la struttura interna della base) non ha mostrato segni di cedimento o scricchiolii nonostante alcune frenate “eccessive”, al contempo offrendo un buon grip sul pavimento. Il volante in dotazione si presenta con un design che ammicca a quello delle GT, vedendo al suo cuore una struttura metallica con alcuni perni e la corona ricoperta in gomma, quest’ultima offre un ottima presa senza far sudare in modo eccessivo le mani anche dopo ore di utilizzo; dal punto di vista dei pulsanti, il volante del T300RS utilizza un layout in stile PlayStation, offrendo un totale di 9 pulsanti (incluso il pulsante PS) a cui si aggiungono una croce direzionale e due molto reattive levette metalliche per cambiare le marce sul retro (i pulsanti sono tutti utilizzabili anche su PC).

Abbiamo utilizzato il Thrustmaster T300RS esclusivamente su PC (previo download ed installazioni di driver e software per le configurazioni), principalmente nel provare  Assetto Corsa Competizione – la review del gioco arriva fra pochi giorni – ma non abbiamo disdegnato qualche partita su altri titoli come Dirt2.0, in tutti i casi il volante si è mostrato molto reattivo, senza soffrire di aree morte, ed offrendo un feedback di ottimo livello, in linea con quanto ci aspettassimo dalle varie situazioni: vibrazioni di vario tipo in base alla superficie di guida, alla velocità del mezzo, alla presenza di pattinamento delle ruote, così come la necessità di maggiore sforzo per ruotare lo sterzo ad alte velocità, ed un volante che si muove in sincronica con le ruote del veicolo (e che quindi da contraccolpi o sfugge di mano in base a quello che succede in gioco); la meccanica che gestisce il tutto non ci è sembrata particolarmente rumorosa, ed utilizzando in gioco un paio di cuffie il tutto diventa impercettibile.

Il T300RS permette di effettuare alcune regolazioni per adattarsi allo stile dell’utilizzatore come la possibilità di cambiare altezza e distanza tra i due pedali scegliendo tra 6 posizioni diverse per ciascuno (richiesto un cacciavite a stella), o di variare l’angolo di rotazione del volante in tempo reale via software (su PC è possibile regolarlo tra 40° e 1080°). Uno dei punti di forza del volante di Thrustmaster risiede nella sua modularità che permette di migliorarlo o adattarlo alle proprie preferenze senza dover comprare un nuovo sistema: è possibile collegare al corpo centrale un volante diverso, ad esempio optando per un modello più adatto alla F1 o ai rally tra quelli compatibili, una diversa pedaliera, come quella a tre pedali interamente in metallo del modello superiore, o accessori aggiuntivi, come leva del cambio o freno a mano.

Nel complesso la prova del Thrustmaster T300RS è stata per noi ottima: il sistema di Thrustmaster è una buona base da cui partire se siete alla ricerca di un volante di buon livello per giocare ai videogame di corse, o magari iniziare la vostra avventura da simRacer, coniugando un buon sistema di force feedback, una buona risposta del volante e materiali discreti. Attualmente online il prezzo del modello che abbiamo provato è di circa 260€, a nostro parere allineato con le prestazioni offerte.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Energie rinnovabili, gli accumulatori super efficienti di Amadeus ridurranno gli sprechi

prev
Articolo Successivo

Campus Party, la quattro giorni dedicata ad innovazione e creatività torna a Milano dal 24 al 27 Luglio

next