I soldi ci sono o mancano? Mancano però ci sarebbero. E sarebbero utilissimi a qualificare i servizi sociali (scuola, sanità, assistenza ai deboli), a rendere certi gli investimenti nella manutenzione del Paese (strade e ferrovie), a rendere meno incerta la vita di chi cerca un lavoro. I soldi ci sono. Ce lo dimostra un successo del fisco italiano poco conosciuto eppure così limpido e così recente.  L’agenzia delle entrate ha ottenuto che il gruppo Kering (detiene i marchi del lusso Gucci e Saint Laurent) versasse all’erario ulteriori imposte per 897 milioni di euro. La cifra giunge a 1,2 miliardi di euro sommando gli interessi e le ammende comminate per la somma finora evidentemente evasa. E’ la più grande operazione del fisco a livello europeo, la seconda nel mondo. Questa somma, già iscritta a bilancio, ha aiutato l’Italia a sottrarsi alla procedura d’infrazione avviata dalla Ue. Non risulta che il gruppo Kering sia stato condannato al fallimento. Detiene marchi prestigiosi e promette altri fatturati fantastici. Lunga vita! Ha soltanto pagato quel che doveva. Un’altra buona notizia, questa certamente più conosciuta. Negli ultimi anni il canone Rai è sceso da 113 a 90 euro. La riduzione del costo è conseguenza della decisione, assolutamente meritoria, del governo Renzi di includere nella bolletta elettrica il canone Rai. Come per incanto gli abbonati sono lievitati (+ 5,5 milioni) così come le entrate ( oggi giunte a 2,141 miliardi).

Dunque è certo che se si paga tutti si paga di meno. Ed è anche certo che i soldi ci sono. Per abbassare le tasse c’è un unico rimedio: farle prima pagare a tutti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sea Watch, migranti e Salvini: e dopo Lampedusa, il muro a Trieste?

next
Articolo Successivo

Sorpresona: non manca il lavoro, ma i lavoratori. Forse uno sbarco può salvare il fatturato?

next