Documentare il comportamento irregolare dei commercianti e ritrovarsi con Hugh Grant che ti strappa via il cellulare. E’ accaduto alla neo-presidente di Ama Spa, Luisa Melara, contro cui l’attore inglese si è scagliato all’improvviso sbucando da uno dei tanti vicoli nel cuore di Roma. La manager scelta nelle scorse settimane dalla sindaca di Roma, Virginia Raggi, per guidare la municipalizzata romana dei rifiuti, era in sopralluogo nel Centro Storico della Capitale, per verificare se e come gli esercizi commerciali rispettano il conferimento della spazzatura secondo il regolamento destinato alle utenze non domestiche. Melara stava fotografando una catasta di rifiuti lasciata sulla strada dal titolare di un mini-market, quando a un certo punto si è materializzato l’interprete di Quattro matrimoni e un funerale: temendo di essere stato paparazzato, ha letteralmente sottratto lo smartphone dalle mani della dirigente. Compreso quasi subito il misunderstanding, l’attore si è poi scusato, senza tuttavia accettare di farsi un selfie con la presidente dell’Ama.

Una volta chiarita la posizione con Hugh Grant, la presidente Melara è quindi entrata nel negozio, si è presentata e ha chiesto spiegazioni. “In una situazione complessa come quella che stiamo vivendo – ha dichiarato la dirigente – e’ assolutamente indispensabile che tutti, anche commercianti e ristoratori, rispettino in modo scrupoloso le regole di conferimento e corretta differenziazione dei rifiuti. Senza la collaborazione di tutti il lavoro incessante dei nostri operatori sul territorio rischia, infatti, di essere vano”. Melara ha poi aggiunto: “Poiché il titolare ha voluto giustificarsi con me lamentando una, a suo avviso, non sufficiente frequenza nei prelievi, ho contestualmente avviato anche una verifica interna sul rispetto dei calendari di ritiro delle varie tipologie di rifiuto da parte dei nostri fornitori“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

I nuovi Re di Roma

di Il Fatto Quotidiano 6.50€ Acquista
Articolo Precedente

Rifiuti Roma, ecco l’ordinanza: impianti del Lazio tutti disponibili. Costa e Zingaretti: “Ora Ama faccia la raccolta”

next
Articolo Successivo

Ecomafie, il dossier di Legambiente: “Nel 2018 impennata reati nell’agroalimentare, nei rifiuti e nel cemento selvaggio”

next