Esiste un fondo in fondo al pozzo?

Saremmo portati a ritenere di sì, ma la realtà ci dice che non è così.

Fino a due anni fa noi ritenevamo, tutti eh?, che le organizzazioni non governative fossero associazioni benemerite, a cui dare il nostro sostegno. Aiutavano i bisognosi: portando medicine, sollevandoli dalla fame, curandoli, o mettendoli in salvo. Chiunque metta in salvo un altro uomo è chiamato salvatore. Almeno lo era fino a poco tempo fa.

Poi abbiamo iniziato a ritenere insostenibile l’ondata migratoria e la classe dirigente, quella che ha come compito di guardare al domani e al dopodomani, invece di correre ai ripari organizzando misure di integrazione e pianificando interventi umanitari ed economici nelle aree di partenza, ha lasciato crescere, senza alcun controllo, un’industria nuova, quella dell’accoglienza. Che invece di accogliere, cioè di integrare, abbandonava gli ospiti al loro destino, innescando la miccia sociale dell’insofferenza. Il migrante si trasformava dunque prima in vagabondo, poi in uno sfruttato, un nuovo schiavo. E poi, in una misura sempre più significativa, in un piccolo e disgraziato delinquente di strada.

La classe dirigente ha provato, riuscendovi, a sostenere il cambiamento. Più intolleranza verso i nuovi schiavi, senza naturalmente provare a indagare e inquisire coloro che, sfruttandoli, hanno raccolto benessere, hanno truffato lo Stato, provocando un nuovo sentimento di astio. Le Ong sono state trasformate in “organizzazioni criminali”, e nessuno batte ciglio. L’Europa, della quale pure facciamo parte, non vede, non sente, non parla. Soprattutto non si immischia. Ciascuno Stato lavi i suoi panni sporchi come vuole e come sa.

Stanotte la comandante della nave Sea Watch è stata arrestata tra le urla compiaciute di questi nuovi nostri concittadini che si sentono patrioti. Alcuni giorni fa, ritenendo che la linea della fermezza di Salvini fosse più morbida del dovuto, Giorgia Meloni ha proposto di affondare la nave a cannonate. Svuotarla dagli esseri umani ma affondarla. Per dare l’esempio.

Allora Salvini, per essere ancora più duro di Meloni, ha già avvertito che la nuova emergenza migranti è la rotta balcanica, è il confine di Trieste, è la frontiera ad est. E che dunque a mali estremi, estremi rimedi: magari anche un muro andrà costruito per respingere i migranti.

Un muro, già.

E dopo il muro?

Torniamo da dove siamo partiti: non esiste un fondo in fondo al pozzo.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Le Olimpiadi e le due Italie

next
Articolo Successivo

La visita del fisco alla fabbrica del lusso. Per abbassare le tasse c’è un unico rimedio: farle prima pagare a tutti

next