Il Movimento 5 stelle non accetta la retorica secondo cui “noi siamo i perdenti perché non abbiamo mai voluto le Olimpiadi a Roma per il 2024 e alla Lega sono dei vincenti perché hanno ottenuto quelle invernali del 2026 a Milano e Cortina”. E in un post sul Blog delle Stelle ricorda come a suo tempo anche Matteo Salvini, esultante per l’assegnazione dei Giochi all’Italia, era fortemente contrario alla candidatura della Capitale. “Gente che in tutta Italia aspetta una casa e un lavoro da anni. E Renzi pensa di fare le Olimpiadi. Ricoveratelo“, è quanto scriveva il leader leghista in un post del dicembre 2014, oggi ripreso da molte persone sui social network.

Il Blog delle Stelle se la prende con “giornali e giornalini” che scrivono “che ha vinto l’Italia ‘anti-grillina’”. E ricordano come “nel caso delle Olimpiadi di Milano-Cortina 2026, a differenza del progetto di Roma 2024, non ci saranno oneri per lo Stato”. “Va anche detto – precisa il post – che il presidente Giuseppe Conte ha ottenuto che le Regioni e gli altri Enti locali, qualora ci dovessero essere entrate inferiori ai costi sostenuti per la sicurezza, andrebbero a rimborsare lo Stato”. La candidatura italiana per i Giochi invernali infatti è stata apprezzata dal Cio proprio perché prevede l’utilizzo al 93% di strutture già esistenti (nel dossier è prevista una sola costruzione ex novo) e non concentrare in unica città: le sedi di gara sono suddivise fra tre Regioni.

Oltre a criticare il paragone fra due dossier – Roma 2024 e Milano-Cortina 2026 – completamente diversi, il Blog delle Stelle critica anche chi parla di vittoria leghista e riporta una dichiarazione di Salvini risalente al 2016 sulla candidatura della Capitale ai Giochi: “Renzi propone le Olimpiadi a Roma nel 2024. Per me – scriveva allora sui social l’attuale vicepremier leghista – è una follia, sarebbe l’Olimpiade dello Spreco. Sarebbe utile che il fenomeno di Firenze pensasse alle migliaia di società sportive dilettantistiche italiane, che fanno fare sport a tantissimi bambini e che rischiano di chiudere per colpa dello Stato, invece di fantasticare su improbabili Olimpiadi. Senza contare tutti i debiti e gli sprechi del passato e del presente. Tirino fuori i soldi per sistemare strade, scuole e ospedali. E poi ripensino alle Olimpiadi. Siete d’accordo con me o con Renzi?'”.

“Forse – conclude il M5S – abbiamo il difetto di raccontare sempre la verità e bloccare le cose poco chiare che rischiano di danneggiare i cittadini. Forse siamo attaccati perché ci opponiamo agli interessi dei privati. E’ vero, ma siamo fatti così: fieri di essere diversi dai pennivendoli. L’onestà, la trasparenza e il bene collettivo ci guideranno sempre”. Intanto però i Cinquestelle lombardi hanno rimosso dalla loro pagina Facebook il post che in una grafica rivendicava l’assegnazione delle Olimpiadi invernali del 2026 a Milano-Cortina come una “vittoria” M5s, pubblicato ieri poco dopo l’esito del voto del Cio.

“E’ stata una chiave comunicativa errata. E’ evidente che un evento del genere non è una vittoria solo del Movimento 5 Stelle ma un obiettivo per il quale ha lavorato tutto il Governo. Quindi il post è stato rimosso”, ha spiegato questa mattina il consigliere regionale lombardo Dario Violi. La candidatura olimpica di Milano-Cortina “ha un taglio diverso rispetto al passato. Questo è un progetto diffuso, sostenibile, niente colate di cemento e budget ridotto. Sul rispetto di questi punti continueremo ad essere fermi e duri, così come sulla lotta alla criminalità organizzata che a questi eventi si avvicina sempre volentieri”, ha assicurato Violi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Luigi Di Biagio, perdente di successo: dimissioni obbligate dopo tre flop europei e due qualificazioni olimpiche mancate

prev
Articolo Successivo

Mondiale femminile, a Montpellier Italia-Cina: obiettivo quarti di finale. Ma la vera sfida è un’altra: il professionismo

next