Una distribuzione degli eventi tra Lombardia, Veneto e le province autonome di Trento e Bolzano, con gare che si svolgeranno in 12 diverse sedi, 7 delle quali già esistenti, due temporanee e due che saranno in larga parte oggetto di ristrutturazioni. Prevista solo una costruzione ex novo. Questo prevede il dossier di Milano-Cortina al quale sono state assegnate le Olimpiadi invernali del 2026. Un progetto che coinvolge diverse città dal Duomo alle Alpi e che è stato considerato vincente dal Cio, rispetto a quello di Stoccolma-Are, proprio perché prevede l’utilizzo al 93% di strutture già esistenti.

Andiamo a vedere quindi dove si svolgeranno, stando al progetto iniziale, le gare in programma dal 6 al 22 febbraio 2026.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Olimpiadi invernali 2026 assegnate a Milano-Cortina, la gioia della delegazione italiana dopo l’annuncio

prev
Articolo Successivo

Con Milano-Cortina 2026 hanno vinto tutti (pure io). Ma ho una sana preoccupazione

next