È così che funziona, anche se invece dei coniugi Obama stiamo aspettando la nostra vicina di casa per una cena programmata da tempo. Tutto sembra essere pronto, casa tirata a lucido, cibo in preparazione e proprio mentre vai in bagno per lavarti le mani, t’accorgi che manca l’acqua. È qui, però, che arriva la prima differenza: mentre se tu chiami l’idraulico di paese di sabato sera, con tutta probabilità, quello ti dice di procurarti un secchio di acqua piovana e ti saluta con un cordiale”se ne riparla lunedì mattina”, per Mr. George Clooney è diverso.

Così, quando l’attore si è accorto che la sua piscina era mezza vuota e con acqua particolarmente fredda, come riporta il Corriere della Sera ha fatto chiamare subito, subitissimo, l’idraulico Dante. Villa Oleandra è scivolata in uno stato di apnea mista a panico fino a quando Dante Pennè, l’idraulico di Laglio, non è arrivato a riparare il guasto. “Che corsa — ha raccontato Dante al Corriere—. Arrivo e sono tutti agitati. Giovanni mi dice: fai in fretta, fai in fretta!… E io: lasciami lavorare, se no mi agito anch’io e non ci riesco!…”.

Il problema, banale, riguardava il termometro e lo scarico e Dante l’ha risolto in un battibaleno. Clooney a quel punto lo ha ringraziato con parole che potrebbero ricordare qualcuno: “Grazie, mi sono preoccupato. Sai, il mio amico è un tipo abbronzato, non gli piace l’acqua fredda…“. E Barack Obama alla fine è arrivato. Insieme a Michelle, naturalmente. Sette auto di corteo coi vetri neri, un furgone bianco per i bagagli, sei macchine della polizia, un elicottero in cielo, corsie preferenziali per scansare i sette km di coda in autostrada, spiega sempre il Corriere. A quanto pare, a Laglio tutti lasciano in pace il quartetto: nessun curioso si avvicina, a parte due ragazzi che ci hanno provato a nuoto ma che sono stati subito intercettati. C’è da scommettere che, risolto il “dramma” piscina fredda, sarà una bella domenica in quel di Villa Oleandra.

 

 

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Yulin, anche quest’anno va in scena il festival delle barbarie a base di carne di cane: non è ora di togliercelo dalle palle?

prev
Articolo Successivo

Elisabetta Canalis bloccata in auto sotto il sole cocente: il video dell’ex velina che sta facendo discutere

next