Posso scegliere cosa darti da mangiare. Come cibarti e come farti venir su. Se scrivo, o parlo, posso scegliere come catturare la tua attenzione, come coinvolgerti nella discussione, come elettrizzarti. Come farti dannare per la rabbia. Come farti gioire. Matteo Salvini, che è maestro indiscusso degli emoticon, ieri ha postato un video di un cane legato a un auto e portato verosimilmente alla morte. Salvini sa che cani e gatti, e ogni discorso che li riguardi, suscita interesse e coinvolgimento anche emotivo. Ieri ha scelto questo video, apparentemente più lontano dai suoi interessi, ma molto fruttuoso di like, e trascurato una questione invece molto più vicina ai suoi doveri: il tentativo della Lega, naufragato, di eliminare il vincolo di destinazione, finora monopolio delle regioni meridionali, nell’utilizzo dei danari dei finanziamenti europei per la Coesione e lo Sviluppo (Fesc). Secondo i parlamentari leghisti che hanno sottoscritto l’emendamento, tutte le regioni (dunque anche quelle del nord) e non più solo quelle del sud, avrebbero diritto a una fettina della torta.

Di Maio, dal canto suo, ha taciuto dal dedicarsi a una questione rilevante, e cioè le valutazioni abbastanza negative che il suo compagno Alessandro Di Battista ha dato sulle performance dei Cinquestelle al governo, e Zingaretti, del Pd, tace oltre la soglia del lecito su quel che il suo partito ha combinato con i magistrati, sulle vere e proprie combine. I magistrati, dal canto loro, hanno taciuto per anni e coperto per anni le loro vergogne.

Dunque: selezionare il cibo da offrire agli affamati avventori dei social network è una scelta delicata. Solo per la cronaca diciamo che il video sul maltrattamento dell’animale postato da Salvini era falso. Si è trattata di una disgrazia vera, di una imperdonabile distrazione della proprietaria del cane che, quando ha capito della tragedia che stava vivendo il suo animale, è stata colta da malore. Il cane, per fortuna, è stato subito visitato da un veterinario che gli ha riscontrato una frattura alla gamba. Medicato, è ritornato dai suoi avviliti padroni che intanto sono stati coperti dagli insulti di mezza Italia. Dileggiati, saranno stati giudicati indegni anche dalla comunità in cui vivono. Chi mai pagherà loro questa carneficina?

Qui però ci preme di più dire che né Salvini, né Di Maio, né Zingaretti né gran parte di noi valuterebbero come appetibile, in termini di like e condivisioni, uno studio riportato dall’autorevole rivista scientifica Science. Un gruppo di ricercatori svizzeri (lo scrive oggi il Corriere) ha sperimentato il grado di onestà dei cittadini di quaranta Paesi. Per 17mila volte è stato lasciato a vista un portafogli: ora vuoto, ora con pochi soldi, ora con molti. Il grado di restituzione aumentava con l’aumento della somma ritrovata. La ricerca ci dice che gli onesti sono in stragrande maggioranza.

E’ una buona notizia, ma i like?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Rocca di Papa, quando la politica si riscatta e il sindaco diviene eroe

prev
Articolo Successivo

Le Olimpiadi e le due Italie

next