Era prassi che le nomine governative del Consiglio di Stato avessero questa caratteristica politica, e il mio compito, nello svolgimento delle mie funzioni, era quello di raccogliere le segnalazioni dei partiti politici presenti allora in Parlamento di maggioranza e opposizione; poi il Consiglio dei ministri avrebbe vagliato il curriculum migliore”. Così l’ex sottosegretario Luca Lotti, a Messina, ha risposto ad Antonio Condorelli per L’Aria che Tira (La7), all’uscita dall’aula di Tribunale, dove ieri è stato sentito come testimone nel processo scaturito dall’operazione “Sistema Siracusa”, che vede tra gli imputati Giuseppe Mineo, ex magistrato di giustizia amministrativa, per corruzione in atti giudiziari, e l’ex senatore di Ala, Denis Verdini, per finanziamento illecito ai partiti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, Travaglio: “Di Battista propone deroga secondo mandato? Così libera M5s dal ricatto di Salvini”

next
Articolo Successivo

Csm, Amara smentisce Lotti: “Lui spingeva per aiutare imprenditore Bacci, ex socio Tiziano Renzi”

next