Più che una pax interna ritrovata, una tregua, quasi di facciata. Ma tanto basta al segretario del Pd Nicola Zingaretti per rivendicare come il suo appello all’unità sia stato accolto, al termine di una Direzione nazionale dem che si è conclusa senza voto sulla relazione del segretario: “Sono state giornate difficili, ma siamo ancora qui per combattere la nostra battaglia contro questo governo. C’è stata una bella discussione, ma ha prevalso il senso di responsabilità, perché si guarda all’Italia. Tutto mentre il governo continua a non interessarsi nulla del debito che aumenta, continuando con sceneggiate e bugie”, ha rivendicato Zingaretti.

Tutto mentre i renziani più fedeli, pur critici, rivendicano, almeno per ora: “Siamo per fare la battaglia dentro al Pd”, come spiega il giachettiano Luciano Nobili. “Mai stata in discussione l’unità del partito. Calenda e la sua proposta del partito alleato ai dem? Io sono convinto del progetto del PD”, ha tagliato corto pure Andrea Marcucci.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Salvini in Usa, Bersani: “Mai vista una visita così sdraiata con gli americani. Altro che ‘prima l’Italia’. Roba da matti”

prev
Articolo Successivo

Conte: “Trump e Draghi? I dazi Usa ci danneggiano. Le mosse della Bce difendono imprese e cittadini”

next