Luca Zingaretti, ospite nella serata conclusiva del Festivaldera, commuove il numeroso pubblico raccolto nell’Anfiteatro Triangolo Verde di Legoli con una lettura intensa e appassionata che non lascia scampo alle coscienze. Si tratta della prima nazionale dell’ultimo capitolo di “Poco più che persone” di Michele Santeramo, una riflessione che dal particolare diventa universale, dove Angelo – il protagonista interpretato da Luca Zingaretti –  si ritrova a dover compiere una scelta terribile: sacrificare o meno un bambino arrivato dal mare per salvare, grazie ai suoi organi, altre giovani vite umane:  “Siamo sette miliardi.  E continuiamo ad aumentare. Un settore senza crisi.  Di qua, gente disposta a tutto perché ha paura di morire. I due piatti della bilancia. Il male non produce sempre male, il bene non produce sempre il bene. È più complesso… Perché se dovesse essere vostro figlio ad avere bisogno di un rene e con quello salvarsi la vita, voi sareste contenti che esistono sette miliardi di sacchetti di organi.” L’attore, prima di lasciare la scena tra gli applausi, si  rivolge direttamente al pubblico  e conclude:  “Se dipendesse da voi, che fareste? Questo bambino, avanti, che ne facciamo stasera? E poi che ne facciamo di quegli altri 4 che lo aspettano? Non volete scegliere…volete lasciarmi da solo. Come sempre…Bisogna essere un poco più che persone per sopportare decisioni come questa.  E io lo sono.  Decido io. Voi non vi scomodate, decido io per tutti.”

Festivaldera è organizzato da Fondazione Peccioliper, Fondazione Teatro della Toscana e The Other Theater, con il sostegno della Belvedere Spa e Fondazione Pisa. La Direzione Artistica è di Marco D’Amore.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

TikTok è il nuovo Youtube? 5 ragioni del successo dell’app che fa concorrenza a Zuckerberg

next
Articolo Successivo

Fedez: “Durante una visita di controllo mi hanno riscontrato una piccola anomalia”

next