Shazam è una delle app più usate per conoscere il titolo di un brano che si sta ascoltando alla radio, alla TV o da qualsiasi altra fonte esterna allo smartphone. Da oggi, per chi usa uno smartphone Android, Shazam è in grado di individuare anche la musica riprodotta da app di terze parti all’interno dello smartphone stesso.

La novità, annunciata tramite le pagine del supporto ufficiale, sarà sicuramente apprezzata da molti perché è l’unica comodità che mancava a un servizio che per il resto era già efficiente. Ad esempio, in tanti usano lo smartphone per ascoltare la radio, e non poter sapere “al volo” il titolo di un brano solo perché la fonte di riproduzione è il telefono stesso era una scocciatura.

Con la nuova versione di Shazam, invece, esordisce la funzione “Pop Up Shazam”. Crea una notifica persistente: basterà selezionarla verrà creato un pulsante mobile, un po’ come avviene con le chat di Facebook Messenger. Toccando questo pulsante mentre il dispositivo sta riproducendo musica, l’applicazione cercherà di riconoscere il brano. Se individuato correttamente, lo stesso pulsante mostrerà il testo della canzone in riproduzione. Una volta fatto, per liberarsi del pulsante basterà trascinarlo nella parte inferiore dello schermo.

Per attivare la funzione occorre prima installare l’aggiornamento (ammesso che non li scarichiate in automatico), che ricordiamo al momento è valido solo per la versione Android. Avviate l’app, toccare la voce “Il mio Shazam” e accedete alle impostazioni, quindi attivate la voce Pop Up Shazam. La stessa procedura è valida per eliminare la funzione qualora non la si reputasse più utile.

Al momento non ci sono aggiornamenti relativi alla versione per iOS, per la quale verosimilmente la novità è semplicemente posticipata.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Instax Mini LiPlay, la fotocamera a stampa istantanea di Fujifilm che registra anche l’audio

prev
Articolo Successivo

Facebook lancia l’app che pagherà gli utenti per la condivisione dei dati

next