È morto senza riuscire ad incassare il 13 al Totocalcio da circa un miliardo di lire che sosteneva di aver realizzato il primo novembre del 1981. La storia è quella di Martino Scialpi, un commerciante di 67 anni di Martina Franca (Taranto). La sua vincita non gli è stata mai riconosciuta perché il Coni ha sempre sostenuto che la schedina non sia mai arrivata all’archivio corazzato del Totocalcio: insomma, la schedina non risultava tra le matrici vincenti. E lui ha ingaggiato una lunga battaglia giudiziaria durata quasi 38 anni.

Scialpi fu processato e assolto in via definitiva nel 1987 dall’accusa di truffa, con la restituzione della schedina originale che l’uomo ha sempre conservato. Ma il suo sogno di incassare quella vincita che oggi, con la rivalutazione monetaria, corrisponderebbe a una decina di milioni di euro non è stato coronato. Il commerciante, assistito dall’avv. Guglielmo Boccia, ha intrapreso numerose azioni legali e nell’ultimo periodo pare si fossero aperti degli spiragli per una definizione positiva della controversia. Scialpi ha sostenuto spese legali per oltre 500mila euro. L’uomo ha anche scritto un libro,  Ho fatto 13, per raccontare la sua storia e il sogno di cambiare vita con il miliardo della vincita. Un infarto lo ha ucciso prima che potesse conoscere l’esito della sua battaglia legale che probabilmente verrà portata avanti dagli eredi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Alena Seredova, la frecciata su Instagram: “D’Amico, ti puoi fidare”. E Signorini si complimenta

prev
Articolo Successivo

Aida Nizar scatenata nel fuorionda di Live – Non è la D’Urso incalza Cruciani: “Tu ti masturbi? Come lo fai, come?”

next