Spacciavano droga in tutta l’alta Ciociaria, tra Alatri, Fiuggi, Acuto, Torre Cajetani, Trivigliano, Vico nel Lazio e anche Frosinone. Il gruppo criminale, diviso in tre fazioni, era composto anche da diversi minorenni. Ora l’organizzazione è stata smantellata dai Carabinieri di Fiuggi in un operazione che ha portato a 10 arresti e 29 perquisizioni. Sei le misure cautelari: quattro in carcere (di cui due al carcere minorile), e due obblighi di presentazione alla polizia giudiziaria. I criminali avevano creato anche una piazza di spaccio a Fiuggi.

Durante le perquisizioni sono state arrestate in flagranza di reato altre quattro persone, tutte giovani, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Sequestrati più di 15 chili tra hashish e marijuana. In tre abitazioni è stato trovato parecchio denaro contante, per un totale di circa 40mila euro, anch’esso sequestrato poiché ritenuto il ricavo dell’attività di spaccio. Oltre a quelle arrestate, altre sei persone segnalate sono state trovate in possesso, complessivamente, di 5.8 grammi di hashish, 14 di marijuana e 0,2 di cocaina.

Le indagini, svolte tra febbraio 2018 e marzo 2019, sono state coordinate dai pubblici ministeri Adolfo Coletta e Maria Teresa Leacche. Per l’operazione, sono stati impiegati complessivamente 150 militari della Guardia di Finanza e Carabinieri, con il supporto di un mezzo aereo e di cinque unità cinofile. Nel corso delle indagini precedenti al blitz, oltre ad aver individuato in provincia di Roma e Latina i canali di approvvigionamento delle sostanze stupefacenti, erano già state arrestate quattro persone per spaccio, deferite anche sei e sequestrati.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Riciclaggio, il gup di Roma rinvia a giudizio l’ex re delle slot Francesco Corallo

prev
Articolo Successivo

Corruzione, arrestati Paolo Arata e il figlio: “Soci occulti del re dell’eolico Nicastri, finanziatore di Messina Denaro”

next