Erano da poco passate le 22 e un ragazzo di 25 anni stava percorrendo una strada a bordo del suo monopattino elettrico quando è stato travolto e ucciso da un camion. È successo il 10 giugno scorso a Parigi, nel quartiere la Goutte d’Or, 18esimo arrondissement: secondo quanto ricostruito da Europe 1 che dà la notizia, il giovane non si sarebbe fermato a un semaforo, mancando la precedenza al mezzo pesante. Trasportato d’urgenza in ospedale è morto qualche ora dopo: si tratta così della prima vittima di un incidente che vede coinvolto un monopattino elettrico, come riferisce l’Ansa. Un mezzo che sta prendendo sempre più piede, invadendo le grandi città. L’autista del camion è stato posto in stato di fermo per essere interrogato dalla polizia che sta cercando di ricostruire la dinamica dell’incidente grazie ai filmati delle telecamere di sorveglianza presenti nella zona.

Questo non è però l’unico caso di incidente che vede coinvolto un monopattino: il mese scorso Isabelle Albertin, pianista dell’Opera di Parigi, era stata falciata proprio da un uomo in monopattino elettrico mentre camminava sul marciapiede, finendo in ospedale con un braccio rotto. Per questo motivo di recente, il Comune di Parigi ha varato una direttiva per arginare i monopattini elettrici a noleggio e di proprietà, guidati soprattutto da ragazzini e giovanissimi, che in mancanza di ogni regola raggiungono alte velocità anche fra i passanti sul marciapiede e attraversano incroci e strade senza fermarsi ai semafori. La sindaca Anne Hidalgo ha disposto anche il divieto di parcheggio delle “trottinette” sui marciapiedi.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fulmine colpisce un motociclista sul casco: va fuori strada e muore

prev
Articolo Successivo

Toglie una zecca al suo gatto ma viene morsa dal parassita: donna prende la malattia di Lyme e resta invalida

next