I metalmeccanici incrociano le braccia per 8 ore il 14 giugno per chiedere al governo di rimettere lavoro e investimenti al centro dell’agenda, oltre a misure per combattere le delocalizzazioni e il sostegno all’occupazione. E un primo segnale in vista del rinnovo del contratto nazionale in scadenza a fine anno. Lo sciopero nazionale è stato indetto da Fiom-Cgil, Uilm e Fim-Cisl per il prossimo venerdì e prevede tre manifestazioni in contemporanea a Milano, Firenze e Napoli

Di fronte alla “sempre maggiore incertezza sul futuro” vista la “contrazione della produzione industriale, la perdita di valore del lavoro, l’aumento degli infortuni e dei morti sul lavoro”, i sindacati chiedono il rilancio investimenti pubblici e privati e il sostegno all’occupazione. “Il governo – scrivono Fiom, Uilm e Fim – deve adottare politiche mirate a contrastare delocalizzazioni e le chiusure di stabilimenti, a partire dal Mezzogiorno, ancora una volta, duramente colpito dalla crisi e a sostenere i buoni motivi per attrarre investimenti industriali. Vanno rafforzati i vincoli della responsabilità sociale delle imprese verso i lavoratori e il territorio”. 

Un messaggio chiaro dopo i casi Mercatone Uno, Whirlpool, Unilever-Knorr e la cassa integrazione per 1.400 operai annunciata da ArcelorMittal nell’acciaieria di Taranto. Per i sindacati si tratta inoltre di un “appuntamento importante per rilanciare la contrattazione collettiva anche in vista del rinnovo del contratto nazionale dei metalmeccanici in scadenza a fine anno”. Le tre manifestazioni partiranno alle 9 a Milano, Firenze e Napoli e allo sciopero parteciperanno Maurizio Landini, segretario generale Cgil, Annamaria Furlan segretario generale Cisl e Carmelo Barbagallo, segretario generale Uil. 

A Milano il corteo partirà da Porta Venezia per arrivare a piazza Duomo, dove è previsto l’intervento di Marco Bentivogli, segretario generale Fim. A Firenze la manifestazione partirà da piazza Cavalleggeri per arrivare a piazza della Santissima Annunziata, dove è previsto l’intervento di Rocco Palombella, segretario generale Uilm. A Napoli il corteo partirà da piazza Mancini e arriverà a piazza Matteotti, dove interverrà Francesca Re David, segretaria generale Fiom.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cannabis light, commercianti e imprenditori: “Non è una droga. Ora un’unica associazione per le nostre battaglie”

next
Articolo Successivo

Giacomo, emigrato in cerca di lavoro torna per fare il navigator: “In Germania mi hanno restituito la dignità”

next