Quindi ti tira ancora? Bravo“, questa la battuta inelegante pronunciata da Caterina Balivo nel corso dell’intervista con Giorgio Mastrota.  A Vieni da me il volto delle televendite si sottopone alle domande al buio: “Venti anni senza un programma tutto tuo, non sono troppi?”, chiede la conduttrice. L’ospite risponde così: “E’ vero, sono tanti. Essendo però in tv tutti i giorni con i miei amati materassi ho questa permanenza continua che mi tiene in vita. Tutto questo mi ha permesso non solo di essere nel piccolo schermo ma di avere quattro figli, un nipotino e di continuare la mia vita serenamente per ora. Altri figli? Se continuano i materassi magari faccio un altro figlio, andiamo a vivere in montagna sai una cosa tira l’altra.”

Da qui la frase incriminata: “Quindi ti tira ancora? Bravo“. Mastrota resta senza parole e in studio cala il gelo: “Come? Cosa hai detto? Con ‘gnocca’ pensavo di aver detto una parola…”, la Balivo lo interrompe sottolineando che stava scherzando e cercando subito di cambiare argomento, resasi conto della frase volgare pronunciata alle 14.05 su Rai1. Nel corso della chiacchierata il televenditore ha confermato che convolerà a nozze con la compagna Floribeth Gutierrez, parlando anche della sua ex Natalia Estrada: “Con Natalia è stata una storia meravigliosa. Sono stato innamoratissimo. Abbiamo bruciato le tappe e lei è una meravigliosa nonna nonché mamma. Flo non è gelosa se mi dicono: ‘Sei l’ex marito della Estrada’, ma succede. Ma è normale, non perché è Natalia ma quando si parla di un’ex, si infastidiva.” La showgirl spagnola non sarà però invitata al matrimonio per non intrecciare le loro vite private con i rispettivi partner: “Abbiamo un buon rapporto ma le nostre strade si sono divise. Anche lei si è sposata e non mi ha invitato. Ma è normale, abbiamo un rapporto sereno ma da qui ad uscire in quattro no”, ha concluso Mastrota.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pamela Perricciolo: “La colpa è nostra al 50%. Il resto è di chi ci ha invitato in tv: se non avessimo fatto audience ci avrebbero denunciato per truffa”

next
Articolo Successivo

“Non può permettersi 4mila euro d’affitto al mese? Lei è un morto di fame”. Così l’operatore turistico pugliese risponde al cliente

next