I cultori dell’alta qualità dell’immagine, che hanno spazio da vendere in soggiorno e budget stratosferico, presto potranno prenotare il loro primo TV da 88 pollici con risoluzione 8K. Stiamo parlando del modello 88Z9P di LG, il televisore OLED più grande e con la più alta risoluzione disponibile, che costa 37.000 euro. I primi a poterselo aggiudicare saranno i residenti nella Corea del Sud, ma da settembre anche gli europei potranno togliersi lo sfizio.

Ironia a parte, si tratta ovviamente di un prodotto di nicchia, anche perché è molto difficile trovare un salone con spazio sufficiente per ospitarlo, e per far sedere gli spettatori a debita distanza. I numeri comunque fanno strabuzzare gli occhi e fanno capire fino a che punto è arrivata la tecnologia. La risoluzione di questo enorme pannello è pari a 7.680 x 4.320 pixel, ossia 4 volte il numero di pixel di un TV 4K Ultra HD.

Quello che si prospetta sulla carta è un’immagine di altissima qualità e nitidezza, con colori realistici grazie alla tecnologia OLED. Fra le caratteristiche accessorie sono da annotare l’audio con supporto Dolby Atmos in grado di riprodurre un suono surround 5.1 in maniera virtuale, mixando i due altoparlanti integrati. Non manca poi il supporto HDMI 2.1, che potenzialmente consente la gestione di contenuti 8K, se non fosse che al momento non ce ne sono. Quindi questo modello LG è solo una mossa di marketing? Non esattamente. Certo un TV da 88 pollici a 8K attira l’attenzione, ma ricordiamo che esistono prodotti Samsung e Sony da 8K a 98 pollici.

Il fatto è che la qualità di visione risulta comunque migliore, e che allineata verso l’alto l’offerta di fascia media, la guerra del settore TV non può che spostarsi sui formati giganti e sulle risoluzioni esagerate, che non servono per vedere trasmissioni altrimenti impossibili da fruire, quanto per apprezzare di più quelle ordinarie. Oltre tutto il modello LG oggetto di questa notizia, e quelli simili, sono la dimostrazione concreta del fatto che queste tecnologie sono mature.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Guida automatica più intelligente e sicura grazie al progetto europeo che coinvolge l’Italia

prev
Articolo Successivo

Da medium di libertà alla sorveglianza di massa, il web ha tradito la sua missione?

next