I risultati delle Elezioni europee sono andati più o meno come previsto dai sondaggi: sulle percentuali si è visto un grande calo del M5S, una grande crescita della Lega, una moderata crescita del Pd. Certamente l’astensionismo ha punito il M5S più degli altri partiti: molti ex elettori delusi avranno preferito non votare piuttosto che confermare il voto di marzo 2018. Sono stati perduti circa 5 milioni e mezzo di voti, la differenza tra i circa 10 milioni del marzo 2018 e i 4 milioni e mezzo di maggio 2019. Alcuni analisti hanno indicato i difetti di comunicazione come la causa principale dell’insuccesso; ma mio parere la comunicazione non c’entra ed è abbastanza evidente quali siano le vere cause dei voti perduti dal M5S, al punto da poterle rintracciare, se non una per una, almeno per grandi linee o per gruppi di elettori. Vediamone alcune.

Il M5S ha attirato molti elettori contrari agli obblighi vaccinali: alcuni tra i suoi esponenti di spicco sono free-Vax dichiarati. L’onorevole Sara Cunial ha anche organizzato un convegno in tal senso alla Camera dal quale però la ministra Giulia Grillo e il M5S si sono dissociati. Gli elettori free-Vax si aspettavano l’abrogazione della legge Lorenzin o almeno la riduzione dei vaccini obbligatori; ma la ministra Grillo, medico, non se la è sentita di agire in questo senso, mettendo a rischio la salute pubblica. Gli elettori free-Vax si sono sentiti traditi e hanno organizzato la protesta #duemilionidivotiinmento. Di certo non si parla di due milioni di voti, ma poiché una petizione free-Vax ha raccolto 400mila firme è ragionevole ipotizzare che il M5S possa aver perso altrettanti voti per questa sola ragione.

Agli elettori della Puglia il M5S aveva promesso la chiusura dell’Ilva e il blocco del Tap, due promesse disattese tra le proteste popolari. Alle Elezioni politiche del 2018 il M5S aveva ottenuto in Puglia percentuali superiori al 40%; alle Europee ha ottenuto circa il 25%, con una affluenza minore. Solo in Puglia si tratta di una differenza in meno di oltre 300mila voti; e si deve considerare che elettori di altre regioni potrebbero essersi sentiti solidali: i no-Tav, ad esempio, temono per la loro causa, in precedenza patrocinata dal M5S.

I pensionati in Italia sono circa 16 milioni. Se il loro voto si è distribuito come la media nazionale possiamo stimare che abbiano votato per il M5S il 33% del 70% di loro nel 2018 e il 17% del 55% di loro nel 2019. Il calo per questa categoria ammonterebbe quindi a 2,2 milioni di voti. Ovviamente andrebbero scorporati dal numero i pensionati pugliesi, essendo stata già analizzato il calo di voti in Puglia e attribuito ad altre ragioni, nonché i pensionati free-Vax; anche così, comunque si rimane ben oltre il milione e mezzo. Il governo in carica ha penalizzato le pensioni superiori a 2mila euro mensili. Questo non è solo un motivo di risentimento per chi ha visto ledere un diritto acquisito con grandi costi economici; è anche un motivo di preoccupazione per chi, pur non avendo subito danni, si è preoccupato del possibile inasprimento futuro: se oggi non si adeguano le pensioni sopra i 2mila euro, saranno forse a rischio tra un anno quelle sopra i 1.500?

Il reddito di cittadinanza è stato un fiore all’occhiello della propaganda M5S. Non è facile stimare quanti voti sono stati persi dal M5S sul RdC perché sono incerte le cifre sui potenziali e sugli effettivi beneficiari. Se si prendono per buoni i dati che il Corriere attribuisce a Luigi Di Maio, i potenziali beneficiari sarebbero circa 1.250.000 famiglie, i richiedenti 800mila (68%), gli assegnatari effettivi circa 500mila. Molti assegnatari hanno ricevuto cifre inferiori alle attese. Certamente almeno i 300mila esclusi saranno delusi, e se avevano votato M5S nel 2018 forse non lo avranno rivotato nel 2019. Gli assegnatari saranno contenti ma se avevano già votato M5S avranno confermato il loro voto precedente e questo non compensa le perdite.

Ci sono poi i voti perduti non quantificabili. Il M5S ha fatto un’implacabile campagna contro la casta dei politici. Uno dei privilegi additati come più odiosi era la possibilità di sottrarre i membri della casta alle inchieste della magistratura, negando l’autorizzazione a procedere. Ingenua propaganda perché l’autorizzazione a procedere è una garanzia costituzionale a tutela dell’equilibrio tra i poteri; ma la propaganda è propaganda e porta voti. Arrivati al Parlamento e al governo i 5S sono diventati casta e hanno salvato Salvini dall’inchiesta della magistratura sull’affare della nave Diciotti. Quanti voti è costato questo voltafaccia puerilmente giustificato come un “caso particolare”? Certamente non pochi.

Si aggiunga che su questo episodio si è consumata l’espulsione di Gregorio De Falco, e il deferimento ai probi viri di Paola Nugnes e Elena Fattori. Ogni parlamentare ha elettori e simpatizzanti; espellerlo fa perdere voti. L’alleanza con la Lega è un altro buco nero di voti: quanta gente avrà creduto di aver votato un partito progressista e sarà rimasta delusa di ritrovarsi al governo con un partito reazionario?

In breve, se la gente vota un partito che dall’opposizione promette o fa credere cose (freeVax, noTap, noIlva), che poi si rivelano irrealizzabili; oppure vantaggi che poi si rivelano essere svantaggi, per cui diventa d’oro una pensione di 2000 euro; oppure lotta contro la casta per poi diventare casta: in tutti questi casi la delusione è certa. Ci sono rimedi? Il problema non sta in ciò che è successo nell’ultimo anno ma in ciò che è stato detto nei dieci anni precedenti. Il 33% del 2018 era stato ottenuto così e il calo era prevedibile.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, Salvini: “Se tra 15 giorni stessa situazione, è un problema”. Toninelli: “È suo ‘no’ più grande sullo Sblocca cantieri”

next
Articolo Successivo

Governo, Toninelli a Radio24: “Sblocca cantieri? Da Salvini il più grande No in un anno di lavoro”

next