Viaggiare quando il bimbo è ancora assonnato, mantenere una guida il più tranquilla e regolare possibile, fare soste frequenti (almeno ogni 2-3 ore) e approfittare di queste per fare degli spuntini salati. Ma è importante anche far sì che l’abitacolo resti fresco, evitando soprattutto forti odori, e poi distrarlo con la musica o improvvisando giochi. Queste sono alcune semplici regole che possono aiutare ad evitare al bambino il classico mal d’auto.

Classico perché in un modo o nell’altro tutti ne abbiamo sofferto – anzi in alcuni casi ne soffriamo ancora in età adulta – e, secondo le statistiche, almeno un bambino su 3 ne lamenta i sintomi, quali pallore, nausea e anche vomito, sbadigli e sudorazione fredda: il malessere infatti è causato dall’ipersensibilità del centro dell’equilibrio, che si trova all’interno dell’orecchio. A spiegare le cause, i sintomi e le regole per migliorare il viaggio dei bambini, sono i medici dell’ospedale pediatrico del Bambino Gesù di Roma i quali, in collaborazione con Fondazione Ania (Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici), hanno compilato una guida sulla sicurezza in auto, pubblicata nel nuovo numero del magazine digitale “A scuola di salute”.

E proprio a proposito di sicurezza, i dati di Aci-Istat rilevano che sulle strade italiane nel 2017 si sono contate 3.378 vittime, di cui 43 bambini da 0 a 14 anni: l’aspetto più allarmante, forse, è che la maggior parte degli incidenti mortali avviene su strade urbane, cioè in città, lungo brevi tragitti, il che dimostra come si tenda a “sottovalutare il pericolo scegliendo di tenere il bambino in braccio se si lamenta o piange” spiegano gli esperti, “anziché posizionarlo sul seggiolino”.

Ciò che si raccomanda ancora nella guida, redatta dai medici della struttura ospedaliera romana e dagli esperti di Fondazione Ania, è quello di osservare sempre le regole di sicurezza per il trasporto dei minori, utilizzando tutti i dispositivi e i sistemi di ritenuta più idonei, dal seggiolino agli adattatori fino alle cinture di sicurezza: questi si dividono in 5 categorie a seconda delle caratteristiche tecniche e dell’età e del peso dei passeggeri, tutti però obbligatori fino ai 12 anni di età o ai 150 cm di altezza. Per quanto riguarda i bambini fino a 9 kg di peso, questi vanno sempre trasportati sul seggiolino posto al contrario rispetto al senso di marcia del veicolo. Infine, la postazione più sicura di viaggio è quella posteriore-centrale: mai sul sedile anteriore se presenti anche gli airbag.

“L’obiettivo che ci ha spinti a lavorare insieme – spiegano le presidenti delle due Istituzioni, Mariella Enoc e Maria Bianca Farina – nasce proprio dall’idea che la prevenzione sia il modo migliore per garantire la sicurezza in automobile dei più piccoli. E la produzione di informazioni chiare e verificate è il primo passo per rendere la prevenzione una pratica comune per tutti i genitori”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Dieselgate, il Tar del Lazio conferma multa di 5 milioni di euro a Volkswagen

next