Rivoluzione X Factor! Per la tredicesima edizione il talent show, in onda su Sky, ha deciso di rivoluzionare la giuria, con la conferma della sola Mara Maionchi, sempre più volto televisivo e recentemente impegnata anche con Italia’s got talent. Dopo cinque anni ha salutato il programma Fedez, dopo tre in uscita anche Manuel Agnelli e si è conclusa l’esperienza di Lodo Guenzi, il leader de Lo Stato Sociale entrato in corsa per sostituire Asia Argento.

Chi affiancherà, dunque, la Maionchi? Da settimane è iniziato il totonomi su cui oggi il FattoQuotidiano.it prova a fare chiarezza. Certa la presenza di Sfera Ebbasta, il trapper avrebbe già firmato il contratto. Lo scorso anno era stato vicino alla poltrona di giudice di X Factor per sostituire Asia Argento ma i retroscentisti parlarono di un veto di Fedez sulla sua presenza. Gionata Boschetti, questo il suo vero nome, avrebbe dovuto vestire anche i panni di coach a The Voice of Italy ma la Rai aveva in extremis bloccato tutto dopo la strage di Corinaldo e per l’incompatibilità dei suoi testi con il servizio pubblico.

Fremantle, società che produce entrambi i talent, ha quindi spostato Sfera Ebbasta direzione Sky. Nei giorni scorsi era circolata con insistenza l’ipotesi Joe Bastianich, nome rafforzato dopo la sua uscita da Masterchef. Il giudice americano non ci sarà, così come sembrerebbe tramontata anche l’ipotesi Achille Lauro, sorpresa di Sanremo 2019 con il brano Rolls Royce.

Mancano all’appello due nomi, nelle ultime ore sarebbero in forte crescita le quotazioni di Samuel Umberto Romano. Stiamo parlando di Samuel, frontman dei Subsonica. Alla lista si sarebbe aggiunta a sorpresa anche Francesca Michielin, vincitrice della quinta edizione di X Factor. Ci saranno sorprese dell’ultim’ora? Una certezza riguarda la conduzione, affidata per la nona volta consecutiva ad Alessandro Cattelan.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Valee Taylor, il rapper dipinge il suo chihuahua di rosso: scoppia la polemica

prev
Articolo Successivo

Alberto Destrieri, è morto l’attore che interpretava la “Pinetta” nei Legnanesi

next