Non ci dovrebbero essere paletti in tv“. Così Maria De Filippi ha commentato il blocco della sua ospitata a Domenica In da Mara Venier. Reduce dal successo della finale di Amici, la conduttrice ha spiegato all’Adnkronos come questa cose le abbia lasciato l’amaro in bocca: “Mi è dispiaciuto che la Rai abbia bloccato la mia ospitata a Domenica In. L’ho trovata una cosa davvero strana. E antipatica, perché l’avevamo già annunciata in tv e io tendo a mantenere le promesse che faccio in pubblico. Era uno scambio di cortesie tra me e Mara. Pure lei è rimasta male. So che Mara aveva nel contratto la possibilità di andare ospite in due programmi della concorrenza e infatti è venuta a Tu si que vales e ad Amici. Tutto regolare. Io volevo ricambiare”.

Oltretutto, questa era una cosa che già “avevamo fatto con la Carrà – ricorda De Filippi – che tra l’altro è stata strepitosa, generosissima con i ragazzi. Credo che le sarebbe piaciuto fare la coreografa. Abbiamo un rapporto molto carino, dove lei mi chiarisce bene dove è lei e dove sono io… è perfetta. Professionale fino all’inverosimile. Se mi piacerebbe averla nella scuola di Amici? Magari. Ma non credo sarebbe possibile”. Ma un antidoto a questi nuovi “paletti” Rai c’è, secondo la De Filippi c’è: “A Mediaset dobbiamo imparare a fare più gioco di squadra. Non è un caso che per la finale ho chiamato in giuria Ilary Blasi, Silvia Toffanin, Alessia Marcuzzi ed Michelle Hunziker, accanto a Loredana Bertè. E sono stata felicissima che abbiano accettato e che abbiano partecipato con grande divertimento. Ecco, questo forse a Mediaset finora lo abbiamo fatto troppo poco!”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Caso Prati, Eliana Michelazzo: “Io sono malata mentalmente. Ogni Natale facevo regali al mio marito immaginario e così faceva mia mamma”

next